IL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ARRIVA A 500 MILIONI DI EURO PER IL 2017


Il fondo per le non autosufficienze, con il decreto legge approvato, arriva per il 2017 alla cifra di 500 milioni di euro. Un risultato importante da cui partire. Inoltre, con un Ordine del Giorno a mia prima firma sottoscritto anche dai colleghi Ventricelli, Zappulla, Amato, Albanella, Romanini, Rossi, Arlotti, Schirò, Antezza e Casati, ed approvato dal Governo, abbiamo poi richiesto al Governo un impegno a  prevedere un rapido nuovo riparto delle risorse integrate, in modo da permetterne l’immediato impegno ed utilizzo. 
 
Il Fondo nazionale per la non autosufficienza è stato istituito nel 2006 con Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (art. 1, co. 1264), per fornire sostegno a persone con grave disabilità e ad anziani non autosufficienti. L’obiettivo è permettere una permanenza dignitosa presso il proprio domicilio e garantire, sul territorio nazionale, l'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali.
Si parla di risorse aggiuntive rispetto a quelle già destinate dalle singole Regioni e dalle autonomie locali a prestazioni e servizi a favore delle persone non autosufficienti, finalizzate alla copertura dei costi di rilevanza sociale dell'assistenza sociosanitaria.
 
Per il 2007 il Fondo disponeva di 100 milioni di euro, per il 2008 di 300, per il 2009 e 2010 di 400, di 100 per il 2011 (centrati su interventi a favore della SLA) e di 275 per il 2013. Nella Legge di stabilità del 2014 le risorse assegnate ammontavano a 350 milioni e, dopo un'intesa raggiunta fra Ministeri e Regioni assieme alle associazioni delle persone con disabilità, il 40% di tali risorse sono state destinate ad interventi per gravissime disabilità, come la SLA. Dal 2015 il fondo è individuato come strutturale per gli anni successivi, portando a 400 milioni la dotazione.
 
Il Fondo ora sale a 500 milioni di euro con l’approvazione di questo Disegno di Legge di conversione del Decreto legge che adottava misure urgenti per affrontare situazioni di criticità, in particolare nel Mezzogiorno, che all’articolo 5, incrementa di 50 milioni di euro per l’anno 2017 il Fondo per la non autosufficienza, di cui all’articolo 1, comma 1264, della legge 27 dicembre 2006, n. 296
 
Dal trend degli stanziamenti si può chiaramente notare come in Fondo per le non autosufficienze fosse stato progressivamente eroso nel corso della passata legislatura rendendolo così assolutamente insufficiente. Con il decreto approvato invece, si stabilisce che nel 2017 venga incrementato di ulteriori 50 milioni di euro, come era stato promesso dal Governo. Adesso attendiamo con ansia il voto al Senato per approvare definitivamente il testo. Questi 50 milioni si aggiungono quindi ai 400 dello scorso anno e ai 50 già stanziati in aggiunta nella Legge di Bilancio. Un incremento complessivo dallo scorso anno di 100 milioni che porta appunto il fondo a 500, mantenendo l'impegno assunto con le associazioni di rappresentanza delle persone con gravi e gravissime disabilità e con le organizzazioni sindacali.
Dovrà riprendere il confronto per definire obiettivi, interventi e tempi del piano nazionale delle politiche per la non autosufficienza. Ma un passo importante è stato compiuto e va riconosciuto.

In allegato trovate: 
- l'odg approvato
- la relazione della Corte dei Conti con il trend degli stanziamenti 



  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento