Il Piano di tagli degli uffici postali porterà grossi disagi ai cittadini del cuneese.

Il piano di chiusure e di modifica di orario degli uffici postali, elaborato dalla direzione nazionale di Poste italiane, porterà con sé pesanti disagi per i cittadini del cuneese. Lo denuncia il consigliere regionale PD Mino Taricco, che ha presentato una interrogazione sul tema alla Giunta regionale. “Una presenza capillare degli uffici postali nei piccoli centri della nostra regione costituisce elemento fondamentale in quanto concorre a garantire alla popolazione, in particolare agli anziani ed alle fasce a più ridotta mobilità, i servizi essenziali, contribuendo così ad evitare lo spopolamento di ampie porzioni di territorio, in particolar modo delle zone montane”, scrive Taricco. ”Eppure nella sola provincia di Cuneo il piano di rimodulazione condurrà alla chiusura, a partire dal 6 agosto, di ben 14 uffici postali in 13 Comuni, tra i quali numerosi centri di montagna che subiranno così la perdita di un servizio essenziale”. Nell’interrogazione Taricco ricorda un caso emblematico, quello del Comune di Monterosso Grana, centro della valle Grana facente parte della Comunità montana valli Grana e Maira che, a seguito della preventivata chiusura dell’ufficio postale di San Pietro di Monterosso e alla contestuale, drastica riduzione di orario dell’ufficio del capoluogo, rischia di vedere minata la propria capacità di servizio contribuendo allo spopolamento e rischiando di indurre le aziende presenti sul territorio a spostarsi altrove”. “Inoltre il piano di rimodulazione degli orari degli uffici postali, mai discusso con le parti sindacali, produrrà notevoli disagi ai cittadini soprattutto nei centri urbani più piccoli: alla cronica carenza di personale agli sportelli, infatti, si sommeranno le singolari modifiche degli orari al pubblico decise dall’azienda con uffici che, in Comuni limitrofi, avranno aperture al pubblico diverse generando confusione nella clientela”. “Spero che Cota sia a conoscenza del piano delle Poste e delle conseguenze che porterà con sé”, conclude Taricco. “Gli ho chiesto di avviare un confronto urgente con la direzione regionale di Poste italiane sugli effetti del piano di rimodulazione oraria degli uffici piemontesi sollecitando il Ministero del Tesoro, in quanto azionista di riferimento di Poste italiane, a riesaminare il piano”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento