LA REGIONE DIA I FINANZIAMENTI NECESSARI PER COMPLETARE I LAVORI SUL PONTE DI CARDE’.

UNA INTERROGAZIONE DI MINO TARICCO. A che punto sono i lavori di ripristino del ponte sul fiume Po presso l'abitato di Cardé e quali sono le istruzioni e i tempi del finanziamento dell’opera, in considerazione dei grossissimi disagi che la situazione sta creando alle popolazioni locali? Lo chiede il consigliere regionale PD Mino Taricco in una interrogazione alla Giunta regionale. “I lavori sono cominciati nel 2008, il ponte è la prima opera ad arco in cemento armato realizzata 100 anni fa sul Po”, spiega Taricco. “A causa del cedimento di una pila nell’alveo, si sono avviati i lavori di ripristino con un primo intervento di adeguamento delle fondazioni, cui ha fatto seguito, ad agosto 2010, il bando d’appalto per un secondo intervento finalizzato a ripristinare le strutture di elevazione del ponte, che hanno avuto danni tali da pregiudicare la funzionalità dell’intera struttura”. “Questi lavori avrebbero dovuto concludersi entro l’estate 2012, ma il 10 agosto scorso la ditta incaricata ha di fatto abbandonato il cantiere. Sembra infatti che la Regione non abbia trasferito alla Provincia di Cuneo i finanziamenti dell’opera, impedendo così il pagamento della ditta aggiudicatrice dell’appalto”. “Se le cose stanno così, la Regione deve rispondere urgentemente all’impegno preso e versare il denaro dovuto, in modo da permettere la conclusione dei lavori e il ripristino di una situazione che si trascina da troppo tempo, con gravi disagi per i cittadini”, conclude Taricco.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento