La Lega lascia l’aula sul Tricolore e l’Inno Nazionale

Nel corso dell’ultimo Consiglio Provinciale, a seguito di una mozione presentata dal Consigliere Tullio Ponso relativa al Tricolore e all’inno nazionale italiano, si è aperta un’accesa discussione sul ruolo e sul significato di detti simboli.
Affermazioni che si sono sentite in aula, che hanno qualificato l’inno nazionale come “musica e canzonette”, noi crediamo siano semplicemente inqualificabili.
Presidenti della Repubblica come Carlo Azeglio Ciampi ci hanno aiutato a comprendere quanto l’unità, la coesione ed il futuro di un paese abbiano bisogno di impegno concreto quotidiano e di grande collaborazione da parte di tutti ma abbiano bisogno anche di segni e di simboli che ne rappresentino in modo plastico la comune condivisione di un destino e la necessità di una forte collaborazione a partire dalle istituzioni.
L’abbandono della sala da parte dei Consiglieri della Lega, che han fatto venire meno il numero legale, unito alle affermazioni che abbiamo sentito in aula non sono sicuramente un bel segno in questa direzione. Vogliamo sperare che quando si riprenderà la discussione in aula su questo punto altra consapevolezza ed altro approccio civico ed istituzionale orientino i passi e le parole.
Una Provincia medaglia d’oro al valor civile come la nostra lo merita sicuramente.


Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento