Partecipazione degli operatori non professionali ai mercatini di oggetti antichi e dell’usato.

Mercatini di oggetti antichi e dell’usato rappresentano una realtà molto diffusa sul territorio regionale ed una notevole attrattiva dal punto di
vista turistico per il territorio stesso. Le deliberazioni regionali prevedono che possono partecipare a tali mercatini anche gli operatori non
professionisti, definiti “hobbisti”, facendo richiesta scritta al Comune di svolgimento.

La domanda per il rilascio dell’autorizzazione va però redatta in bollo e il titolo autorizzatorio è rilasciato anch’esso in bollo per ogni mercato a cui
si riferisce.

Gli Hobbisti ottengono quindi, con un non trascurabile costo per le necessarie marche da bollo, l’autorizzazione valida solamente per il giorno
dello svolgimento del mercatino.

Tale situazione sta creando un calo di richieste da parte degli operatori non professionisti, a prendere parte ai mercatini che si svolgono nei Comuni.

Ho rivolto una interrogazione alla Giunta regionale, per chiedere se non ritenga opportuno procedere in tempi brevi ad una revisione della normativa
regionale in materia di esercizio dell’attività di commercio su area pubblica in modo tale da escludere gli operatori non professionali
dall’obbligo di richiedere il permesso temporaneo di vendita per poter partecipare ai mercatini di oggetti antichi e dell’usato, ferma restando la
necessità che sia i commercianti che gli operatori non professionali rimangano soggetti alla normativa nazionale e regionale in materia di
verifica contributiva, previdenziale e fiscale.

Mino Taricco


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento