SUI TAGLI ALLE INEFFICIENZE DECIDERA' CHI NE HA LA RESPONSABILITA' ISTITUZIONALE

"Presenteremo la spending rewiev alle Camere, la presenteremo nelle sedi parlamentari; il commissario ci ha fatto un elenco, ma toccherà a noi decidere.


Come in famiglia se non ci sono abbastanza soldi sono mamma e papà che decidono cosa tagliare e cosa no".


Nel suo intervento Matteo Renzi porta il paragone mutuato dalla economia domestica, e al tempo stesso rivendica il diritto dovere di chi ha la responsabilità istituzionale, di decidere .


Il premier parla al Parlamento è  alla Camera  dove è venuto a illustrare le linee programmatiche in vista del vertice dell'Unione Europea di domani e dopodomani e insiste sul fatto che le riforme non le facciamo per l’Europa ma per noi, per il nostro Paese e per recuperare una sostenibilità e una credibilità davanti al mondo  e davanti ai mercati, il cui consenso si traduce per noi in minori costi nel finanziamento del nostro grande debito.


E' la maniera migliore per affrontare un'Europa, ribadisce in più passaggi , e con la convinzione che il riferimento ai parametri, che non sono un tabu ma si possono cambiare, deve però essere anche un indicatore ed uno stimolo a prendere in seria considerazione la necessità di un urgente, serio e rigoroso piano di riforme.


Sono  lo stato dell'economia  e i numeri che lo definiscono a richiedere un a nostra azione e una nostra reazione urgente, nel suo intervento alla camera il Presidente del Consiglio ha detto : "I nostri numeri sulla disoccupazione giovanile gridano vendetta”,  e ribadisce che la riforma del mercato del lavoro è una riforma necessaria, che viene chiesta "dal 42% di giovani disoccupati", e non solo dall'Europa.
  Ad oggi "le riforme istituzionali che abbiamo proposto sono una novità, sono viste di buon occhio in Europa, sono la premessa per noi per restare al tavolo", ricordando il buon esito delle recenti visite a Parigi e Berlino, “ma al secondo punto c’è la riforma del lavoro su cui  è vero che ci sono opinioni diverse, il Parlamento sarà coinvolto attraverso lo strumento della delega che darà a tutti la possibilità di un ampio confronto, ma non è un argomento a piacere che possiamo affrontare o no, ce lo chiedono i disoccupati".


Il Presidente Renzi nel suo intervento ha anche citato l’intervento del Presidente Napolitano al Parlamento europeo sulla necessità di cambiamento e di riforma della Unione Europea, sottolineandone la straordinaria attualità.


Dalle analisi sulle possibilità e sugli strumenti, ora  si passa al confronto sull’azione.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento