Unioni Civili: un passo avanti sui diritti che colma un ritardo di decenni.

Con il voto del Senato sulle Unioni civili, e con la probabile conversione senza modifiche alla Camera nelle prossime settimane, il nostro Paese compie un passo avanti sui diritti che colma un ritardo di decenni. 
Sono convinto che il punto di equilibrio trovato rappresenti la miglior sintesi possibile tra le sensibilità interne al Parlamento, e che, soprattutto, interpreti le sensibilità del paese.
Non si è trattato - come alcuni organi di informazione hanno schematicamente e caricaturalmente cercato di rappresentare - di un confronto tra laici e cattolici o tra modernismo e oscurantismo culturale, ma di un confronto schietto tra sensibilità diverse e molto trasversali. 
Il tema dell’adozione del figlio del partner, ed il rischio correlato della maternità surrogata, che ha tormentato la coscienza mia e di tanti nell’interesse dei minori coinvolti, credo sia stato giusto ricondurla nel contesto di una riflessione più complessiva sugli istituti paragenitoriali dell’adozione e dell’affido.
Ancora una volta però, spiace aver dovuto constatare che troppi in Parlamento hanno avuto atteggiamenti, in alcuni casi di stupefacente presunzione culturale, ed in altri di evidente cinismo e strumentalità politica, assolutamente inaccettabili.
Coloro che hanno lavorato in queste settimane per far saltar la legge o esclusivamente per mettere in difficoltà il Partito Democratico, sono rimasti delusi.
Esprimo la soddisfazione per il raggiungimento di un traguardo importante : quello del riconoscimento pubblico delle unioni omosessuali, che solo pochi mesi fa pareva insperato. Passo che finalmente ci allinea alle altre democrazie occidentali.

Sono certo che la norma approvata sarà valutata meglio ed apprezzata quando si saranno calmate le polemiche strumentali che hanno caratterizzato questi ultimi passaggi, con troppe uscite fuori dalle righe, e si dovrà riconoscere che il merito del risultato è dovuto soprattutto alla capacità di sintesi tra le varie sensibilità interne che ha avuto il partito democratico.

In allegato il testo approvato ed una scheda riassuntiva


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento