APPROVATO IL "DOPO DI NOI" A TUTELA DELLA DISABILITÀ

Approvato In aula il testo della proposta di legge recante “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare”.
È stato definito il “dopo di noi”, in quanto il provvedimento disciplina misure di assistenza cura e protezione in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare, perché mancanti di entrambi i genitori o in caso gli stessi non siano in grado di sostenere la responsabilità e l’onere della loro assistenza, agevolando le erogazioni di soggetti privati e la costituzione di trust in loro favore.

Si è così compiuto un passo importante, di civiltà e cultura. Abbiamo approvato uno strumento per garantire i diritti di persone che vivono serie difficoltà a vari livelli: abbiamo introdotto anche in ambito sociale, e non solo più sanitario, un obiettivo di servizio, uno dei primi passi per arrivare alla definizione di Livelli Essenziali di Assistenza anche nel sociale.

Molte le novità importanti: viene istituito un nuovo fondo per la disabilità, già finanziato, e vengono agevolate le donazioni di privati, sia durante il sostegno familiare sia dopo, permettendo di vincolare un patrimonio a coprire i costi di assistenza e sostegno per una o più persone. Vengono anche definite le linee guida per i livelli essenziali dell’assistenza ai soggetti disabili, così da garantire sempre qualità e attenzione nelle prestazioni socio-sanitarie.
ll provvedimento ha l'obiettivo di rispondere ad uno degli impegni contenuti nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, in particolare dove si riferisce al diritto a scegliere liberamente, sulla base del principio di uguaglianza, dove e con chi vivere, ovvero a non dover essere obbligati a vivere, come purtroppo ancora oggi avviene con il solo ricorso alle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali). Come recita l’articolo 1, il provvedimento  è centrato sulle persone con disabilità e finalizzato a favorire benessere, inclusione sociale e autonomia. 

L'Italia è purtroppo ancora nelle ultime posizioni nella costruzione di risposte capaci di garantire qualità di vita in queste situazioni; se confrontata con altri Paesi europei e il cammino verso una vera uguaglianza, che riconosca e includa le differenze, è ancora lungo. Ora aspettiamo il passaggio al Senato dove speriamo il testo sia approvato definitivamente entro l’estate. Un aspetto sicuramente positivo è che partiamo da risorse finanziarie per il sostegno a migliaia di persone con disabilità che sono già disponibili, grazie alla legge di stabilità 2016 dove erano già stati previsti 90 milioni di euro che saranno ripartiti tra le Regioni e che si aggiungono agli oltre 400 milioni stanziati nel fondo per la non autosufficienza.


ed in allegato una scheda del provvedimento 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento