Vaccinazioni: urge una campagna di informazione e sensibilizzazione

Ieri, insieme a 25 colleghi, ho presentato un’interrogazione al Ministro della Salute sul tema vaccinazioni, al fine di incentivare analisi ed azioni concrete. Oggi infatti, la situazione vaccinale in Italia vede una copertura al di sotto del 95%, soglia limite di sicurezza, come conferma Walter Ricciardi, neopresidente dell'Istituto Superiore di Sanità. Si stima che oltre 22 milioni di bambini non siano coperti contro le più comuni, a volte mortali, malattie dell'infanzia. 

Alcune Regioni italiane infatti, in questi anni hanno promulgato leggi regionali che aboliscono l'obbligo di vaccinazione e questo ha generato un crollo della cosiddetta “immunità di gregge”. La Società Italiana di Pediatria ha evidenziato che si assiste ad un ritorno di malattie che si credevano debellate, come la morte per pertosse, malattia che sta avendo una recrudescenza nei bambini nei primi mesi di vita. 
In questo contesto le conseguenze di scelte individuali ricadano sulla collettività, perchè viene meno l’ “immunità di gregge” e pertanto aumenta il rischio che bambini non vaccinati si ammalino, che si verifichino epidemie, che malattie per anni cancellate non siano riconosciute e trattate in tempo. Rischiano di tornare malattie “dimenticate” come la difterite, emersa in Spagna, o che le morti per morbillo non siano più un’eccezione, come nel caso della bimba deceduta per una complicanza lo scorso anno a Roma.

E’ improcrastinabile quindi, l’approvazione del nuovo Piano Nazionale per la Prevenzione Vaccinale. Siamo fiduciosi nella convocazione del prossimo 12 ottobre della Commissione Salute delle Regioni, per valutare la proposta del nuovo Piano Nazionale e ci auguriamo che la sua approvazione proceda rapida. 
Ma, nel frattempo, chiediamo al Governo di  valutare un programma di campagne di informazione che spieghino il valore della protezione della salute e la prevenzione delle malattie infettive grazie ai vaccini. Chiediamo politiche di sanità pubblica che coinvolgano gli operatori del territorio, in primis i medici di famiglia, considerando che l’impatto è forte anche in termini economici, poiché i vaccini consentono immensi risparmi al sistema sanitario nazionale: un euro speso per un vaccino può farne risparmiare fino a 24 per curare chi si ammala. 

La campagna europea 2015 coincide con la più ampia campagna mondiale con uno slogan significativo: "Close the immunization gap", ossia "Colma il divario di immunizzazione", per veicolare l'urgenza di raggiungere l'equità nei livelli di immunizzazione, come indicato nel Piano d'Azione Globale per i Vaccini (Global Vaccine Action Plan - GVAP), che mira a prevenire milioni di morti entro il 2020 attraverso l'accesso universale ai vaccini per le popolazioni di tutto il mondo. Vanno trovati link e unite le forze in questo senso. 

La medicina ha fatto e continua a fare progressi salvifici per il mondo, i paesi in via di sviluppo lottano per ottenere i nostri livelli di garanzia e tutela nella salute: noi non possiamo permetterci di regredire in nome di nozioni millantate, va bilanciata la forte disinformazione diffusa da associazioni di vera controinformazione. Va perseguita la strada dell’informazione per salvaguardare la salute e la vita.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento