6000 CAMPANILI

E siamo arrivati al finanziamento della terza tranche del progetto 6000 campanili e nuovamente, come già era successo nella prima, la provincia di Cuneo ha visto molti comuni finanziati.



Il Programma 6000 campanili consiste in 100 milioni di euro stanziati dopo l’accordo tra Ministero delle infrastrutture e l’Associazione nazionale dei Comuni italiani per l’adeguamento normativo di edifici pubblici esistenti, messa in sicurezza del territorio, la ristrutturazione e ri-funzionalizzazione di edifici pubblici, la nuova costruzione di edifici pubblici e la realizzazione e la manutenzione di reti viarie e infrastrutture o reti telematiche di NGN e WI-FI nei piccoli comuni, quelli con meno di 5.000 abitanti. Ogni progetto vincitore potrà usufruire di risorse da 500.000 a 1.000.000 di euro.


Lo sblocco di 1,5 miliardi già stanziati contro il dissesto idrogeologico annunciato dal governo, i 3,5 miliardi per le scuole e il potenziamento e la stabilizzazione dell’eco-bonus, insieme al Programma 6000 Campanili razionalmente ripartito rappresentano occasioni per tentare di rilanciare l’edilizia.


Al Programma 6000 campanili, spiega il Ministero, sono state destinate anche risorse non spese dei Fondi strutturali europei per le regioni del Sud. Queste nuove dotazioni sono utilizzabili per i progetti presentati dai Comuni delle regioni del Mezzogiorno, altri mille interventi circa su cui sono in corso le verifiche per l’inserimento nell’elenco delle opere finanziate.


Il click day per il progetto 6000 campanili (20 ottobre) 2013 era stato un successo: tutti i fondi a disposizione a quella data erano andati a ruba.


Un primo elenco di Comuni ammessi era stato comunicato all’inizio di gennaio del 2014.


Si trattava di un primo fondo di 100 milioni di euro con cui sono stati finanziati 115 progetti.


Tra questi i comuni di Salmour, Narzole, Marene, Frabosa Sottana, Casteldelfino, Monteu Roero, Mombarcaro, Serravalle Langhe, Argentera, Bergolo in provincia di Cuneo.


All’inizio di febbraio era poi stata  firmata la seconda tranche di progetti, di 50 milioni di euro, nell’elenco vi era il comune di Piozzo.


Sull’onda delle critiche al click day come criterio di assegnazione dei finanziamenti, e per rimediare alla “casualità nella distribuzione delle risorse”,  il 22 aprile 2014 la Commissione Ambiente della Camera dei Deputati ha approvato una risoluzione, presentata da Ermete Realacci, che chiede, nell’ambito del Programma 6000 Campanili, di dare priorità agli interventi di consolidamento antisismico, manutenzione del territorio e riduzione del rischio idrogeologico nell’assegnazione dei fondi.


In particolare la Risoluzione approvata all’unanimità  impegna il Governo a destinare le risorse del Programma 6.000 campanili prioritariamente agli interventi di:
- qualificazione e manutenzione del territorio,
-
recupero e riqualificazione degli edifici esistenti,
-
riduzione del rischio idrogeologico,
-
riqualificazione ed efficientamento energetico,
-
messa in sicurezza antisismica degli edifici pubblici, a partire da scuole e ospedali.


Adesso il finanziamento della terza tranche che vede finanziati i comuni di Torre Bormida, Ostana, Lequio Berria, Battifollo, Vicoforte, Montà, Roccabruna, Roccaforte Mondovì e Neive.


 


Di seguito il link al sito del Governo do si possono attingere informazioni sul programma


http://www.mit.gov.it/mit/site.php?p=cm&o=vd&id=3325


ed in allegato la risoluzione approvata dalla Commissione Ambiente e gli elenchi delle tre tranche di finanziamento


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento