ABBIAMO BISOGNO D'EUROPA

Abbiamo grande bisogna di Europa, quell’Europa di cui oggi parliamo solo e sempre identificandola con la crisi e con la sua moneta in difficoltà.
Un’Unione che fatica a raccontarsi, a riconoscere ciò che la unisce, che si mostra in balia delle spinte alla disgregazione.
Eppure Europa significa milioni di persone che viaggiano ogni giorno senza dover più tirar fuori la carta d’identità, sono i ragazzi che volano low cost e studiano o lavorano lontano da casa, sono gli imprenditori che scambiano prodotti senza più guardare ai confini e alle nazionalità, sono le migrazioni interne, i modi di vestirsi e di sentire musica e le mete
comuni dove andare in vacanza.
Quando in redazione sono arrivate le foto che vedete in questo fascicolo , commissionate a un fotografo italiano da un giornale francese (Le Monde), non riuscivo ad attribuire la nazionalità ai volti e pensavo che l’italiano fosse uno dei due maschi.
Mi sbagliavo e mi sono reso conto che oggi esiste davvero un giovane europeo, capace di condividere passioni e paure come mai era successo in questo continente, dilaniato per secoli da guerre e oggi - come ci ricorda Umberto Eco - da quasi settant’anni in pace.
«Curiosamente - scrive Sylvie Kauffmann, che dirige la redazione di Le Monde, spiegando questa nostra iniziativa comune - non esiste un giornale europeo che racconti la vita quotidiana e comune dei 27 Paesi, più modestamente abbiamo deciso di cominciare a sei e di creare un supplemento comune con lo scopo di incrociare i nostri sguardi e raccontare insieme quello che ci unisce ». E questa mattina lo faremo in due milioni di copie.
Oltre dieci milioni di lettori, da Madrid a Torino, da Monaco a Varsavia, potranno leggere
interviste, reportage, inchieste e analisi pensate in modo europeo, nate in riunioni comuni e con lunghe discussioni via mail. Realizzate da giornalisti di sei Paesi e poi pubblicate da tutti.
«Sguardi incrociati» significa pubblicare il testo di un giornalista polacco in Inghilterra o di un italiano in Francia, e realizzare un giornale autenticamente europeo è possibile solo se si mostra grande fiducia verso il lavoro degli altri e si accetta una cessione
di sovranità in quel prodotto nazionale che è un giornale. Il risultato è oggi qui e ci mostra che l’Europa è qualcosa di vivo ed è qualcosa che va oltre gli spread.
Qualcosa di cui bisogna riscoprire le radici e i valori e difendere dai populismi.
Abbiamo cercato di farlo andando alla radice dei problemi, senza retorica e senza nascondere le difficoltà. Pensiamo che sia un viaggio che vale davvero la pena di raccontare e di leggere.

mario.calabresi@lastampa.it


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento