ALBERGO DIFFUSO

Il nostro Gruppo ha depositato in data 19 giugno 2012 una Proposta di legge regionale finalizzata a introdurre in Piemonte una nuova tipologia alberghiera oltre a quelle già previste: l’albergo diffuso, una struttura ricettiva costituita da unità dislocate in più stabili separati, ma caratterizzati dalla centralizzazione di vari servizi, tra i quali, ad esempio, l’ufficio di ricevimento e la sala ad uso comune. Tale formula risulta essere particolarmente adatta per quei borghi e paesi, per lo più di piccole dimensioni e fuori dai circuiti turistici ordinari, caratterizzati da centri storici di interesse artistico ed architettonico che, in tal modo, potrebbero recuperare e valorizzare vecchi edifici in condizioni di abbandono, promuovendo la ricettività senza ricorrere alla realizzazione di nuove costruzioni. L’albergo diffuso è poi un modello di sviluppo del territorio, che funge da vero e proprio “presidio sociale” animando i centri abitati, stimolando iniziative e coinvolgendo i produttori locali, considerati come componente chiave dell’offerta. Segnaliamo, inoltre, che la II Commissione del Consiglio regionale ha di recente approvato un emendamento - da noi presentato - al Disegno di legge che introduce nuove modifiche alla legge di tutela ed uso del suolo. Con tale emendamento, che non a caso è collegato alla proposta di legge per l’introduzione in Piemonte della tipologia di albergo diffuso, abbiamo inteso affrontare un tema che, soprattutto nelle borgate alpine, è fortemente avvertito, e cioè quello relativo alle condizioni di abbandono del patrimonio immobiliare e agli strumenti per il loro recupero. In sintesi, l’emendamento prevede che i Comuni sotto i 3000 abitanti possano individuare ambiti di intervento per il recupero del patrimonio e che di fronte all’inerzia delle proprietà possano procedere all’acquisizione dello stesso senza le procedure di cui ai Piani di recupero e attuare l’intervento o affidarlo a terzi anche per progetti di albergo diffuso. Con l’auspicio di ricevere eventuali suggerimenti ed osservazioni, alleghiamo alla presente il testo della Proposta di legge e dell’emendamento sopra richiamati.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento