ALPITOUR

“L’Alpitour costituisce per il territorio e l’economia cuneese una delle realtà più importanti in termini di occupazione, innovazione e prestigio a livello internazionale, ed è evidente che la scelta di chiudere la sede di Cuneo provocherebbe un profondo danno all’economia del nostro territorio. Per questo il Consiglio Regionale del Piemonte deve chiedere ai vertici del gruppo un adeguato ripensamento rispetto alla decisione del trasferimento. Inoltre, il Consiglio Regionale deve censurare il modo con cui l’Alpitour ha comunicato a lavoratori e sindacati la decisione di chiudere la storica sede di Cuneo e di trasferire i 300 addetti presso la nuova sede torinese di Via Lugaro. Infatti, non è stata osservata alcuna prassi in termini di informazione e contrattazione, ma è stato convocato un incontro con il solo fine di comunicare decisioni già prese”: così dichiara il Consigliere Regionale del PD Mino TARICCO, firmatario di un Ordine del Giorno relativo al trasferimento dell’Alpitour da Cuneo a Torino.
“A partire dalla sua costituzione nel 1947, le vicende e lo sviluppo dell’azienda Alpitour sono legati territorialmente, economicamente e affettivamente alla Granda ed al suo capoluogo - spiega il Consigliere regionale Mino TARICCO - Nella sua lunga storia l’Alpitour ha segnato in modo positivo il territorio cuneese dal punto di vista produttivo-occupazionale sia attraverso la creazione di un cospicuo indotto sia attraverso l’investimento in altri importanti settori, primo tra tutti lo sport. Per i 300 lavoratori della sede di Cuneo la decisione del gruppo di trasferire l’intera attività sul capoluogo piemontese è giunta come un vero e proprio fulmine a ciel sereno e rappresenta un non trascurabile allarme per il futuro dell’azienda e la continuità occupazionale. Il trasferimento coatto dell’intera sede rappresenterebbe per molti lavoratori, tra i quali numerose sono le donne con figli, un radicale cambiamento di prospettiva lavorativa difficilmente sostenibile e conciliabile con la gestione familiare. Pertanto, è di vitale importanza il mantenimento dell’attuale sede cuneese per una serie di motivazioni legate all’indotto, al prestigio del territorio, alla salvaguardia di una storia decennale, nata proprio sul territorio cuneese”.
Mino Taricco, Pd


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento