APPROVATA ALLA CAMERA LA LEGGE SULLA LEGITTIMA DIFESA

Approvata alla Camera la proposta di legge a favore della legittima difesa dei cittadini.
Il testo approvato modifica in modo molto calibrato la norma: l’unica innovazione di sostanza riguarda l’eccesso colposo nella cosiddetta legittima difesa domiciliare, per meglio garantire da inutili incriminazioni chi abbia reagito ad una aggressione in stato di grave turbamento psichico cagionato dall’aggressore, quando tale turbamento abbia provocato un errore nella valutazione delle circostanze di fatto in cui si è trovato.
Si tratta di una estensione di una fattispecie già presente, che dovrà essere oggetto comunque di una valutazione da parte di un giudice, e che consentirà di meglio tutelare le vittime di reati predatori che abbiano reagito in preda al panico.
Si sono poi introdotte ulteriori modifiche che peraltro rappresentano delle semplici specificazioni di principi già presenti, e che nulla innovano rispetto ai requisiti che rendono già oggi giustificata, e dunque già oggi non punibile, la cosiddetta legittima difesa.
Si tratta di una modifica mirata, calibrata, che ci allinea alla normativa tedesca e francese.

Ecco le principali novità:
-  ampliate le situazioni che vengono considerate “legittima difesa” con una modifica al secondo comma dell’art. 52 cp.: si considera legittima difesa la reazione a un’aggressione commessa in tempo di notte, ovvero la reazione a seguito dell’introduzione in casa, in negozio o in ufficio, con violenza alle persone o alle cose, ovvero con minaccia o con inganno. Il modello di norma sulle rapine notturne si rifà ad un analogo provvedimento vigente nella legislazione francese, che prevede appunto la legittima difesa per l'atto di respingere aggressioni perpetrate di notte con aggressione, violenza ed inganno.
- si precisa l'ambito di applicazione della fattispecie dell’eccesso di legittima difesa, prevedendo (un emendamento della Commissione) l'esclusione della colpa quando la reazione sproporzionata della persona offesa è causata dal grave turbamento psichico determinato da un pericolo attuale per la vita, per l’integrità fisica, per la libertà personale o sessuale; 
- nel caso in cui chi ha esercitato la legittima difesa sia stato indagato, ma venga assolto, tutte le spese processuali e i compensi degli avvocati saranno a carico dello Stato. Un onere per l'erario stimato in 295.200 euro a decorrere dal 2017.

In allegato la scheda del provvedimento e una scheda sulla norma della legittima difesa in altri paesi ed inoltre di seguito un interessante
articolo su "BUTAC" un sito antibufale

Aspettiamo ora il passaggio al Senato, dove se del caso potranno essere apportate tutte le modifiche utili.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento