APPROVATA LA LEGGE SUI PICCOLI COMUNI

Dopo 3 legislature, il Parlamento approva il disegno di legge che sostiene e valorizza i piccoli comuni italiani. 
Il Senato dà il via libera praticamente all'unanimità, con 205 sì e 2 astenuti.
Lo scorso settembre la Camera aveva approvato all'unanimità il testo nato a partire da una proposta di legge del deputato Ermete Realacci,  e del quale ero stato tra i primi firmatari, dopo un lungo lavoro preparatorio che aveva visto il sostegno dell'Anci e di molte organizzazioni, a partire da Legambiente e Coldiretti in primis. 
Il Senato ora lo ha approvato senza modifiche per cui è Legge.
Questa legge aiuterà l'Italia ad essere più forte e coesa, ad affrontare il futuro, con un'idea di sviluppo che punta su territori e comunità, coniugando storia, cultura e saperi tradizionali a innovazione, nuove tecnologie e green economy.
I nostri 5.567 Piccoli Comuni amministrano più della metà del territorio nazionale e in essi vivono oltre 10 milioni di italiani. 
Questa legge propone misure per favorire la diffusione della banda larga, una dotazione dei servizi più razionale ed efficiente, itinerari di mobilità e turismo, la promozione delle produzioni agroalimentari a filiera corta. Previsti anche semplificazioni per il recupero dei centri storici in abbandono o a rischio spopolamento da riconvertire in alberghi diffusi, opere di manutenzione del territorio con priorità alla tutela dell'ambiente, la messa in sicurezza di strade e scuole, l'efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico e interventi in favore dei cittadini residenti e delle attività produttive insediate nei centri minori. 
Inoltre, vengono stanziati per le aree oggi in condizioni di maggior difficoltà 100 milioni per il periodo che va dal 2017 al 2023. 
Se consideriamo che molte DOP e IGP arrivano proprio dai Piccoli Comuni come anche il 79% per cento dei vini di maggiore qualità proviene, ci rendiamo conto del valore e dell’importanza nel sostenere queste realtà. Serve a tutta l’Italia, sono borghi che racchiudono una parte importante del nostro patrimonio storico, artistico e paesaggistico e custodiscono molte eccellenze del sistema produttivo italiano. 
In Piemonte la norma riveste un particolare interesse perché ben 1067 comuni sono con meno di 5000 abitanti ed in provincia di Cuneo solo 25 comuni hanno una popolazione superiore, è quindi una norma destinata ad avere un grande e positivo impatto.
 Una legge di iniziativa parlamentare, che da un ulteriore timbro a questa legislatura e che avrà ricadute importanti su molteplici aspetti, ambiente, economia, cultura, ed in generale sui temi di uno sviluppo sostenibile e possibile e della salvaguardia della qualità di vita in tanta parte dei nostri territori.

In allegato una scheda dettagliata sul provvedimento e una breve sintesi in 10 punti sul sito Rai



  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento