APPROVATA LA LEGGE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

La legge approvata alla Camera sulla videosorveglianza mira a prevenire e contrastare maltrammenti e abusi contro minori, anziani e disabili, affinchè non si ripetano i casi ormai tristemente noti di cronaca avvenuti un po' in tutta Italia. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

La legge prevede la possibilità di installare telecamere a circuito chiuso in asili nido, scuole d’infanzia e strutture socio-assistenziali per disabili e anziani, così che si concretizzino controlli mirati e puntuali. E' una mossa preventiva e dissuasiva e faciliterà le indagini in caso di segnalazione di reato. Ovviamente, la presenza delle videocamere dovrà essere debitamente segnalata e l'accesso alle immagini avverrà solo con l'autorizzazione di un magistrato.
Altrettanto importante, la partecipazione delle famiglie alle decisioni relative all’installazione e all’attivazione dei sistemi di video-sorveglianza, disciplinata da un decreto Ministeriale da adottarsi entro 60 giorni, nonché nelle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali la previsione del previo consenso degli interessati, o dei loro tutori se minorenni o incapaci.

E' inoltre prevista una delega al Governo in materia di formazione del personale degli asili nido, delle scuole dell’infanzia e delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, per la definizione delle modalità della valutazione attitudinale per l’accesso alle professioni educative e di cura, nonché delle modalità di formazione obbligatoria iniziale e permanente del personale dedito a tali delicate professioni, ferma restando la necessità del patto educativo e dell’alleanza terapeutica quali strumenti principali per migliorare il benessere delle persone destinatarie di interventi educativi e di cura. 
Importante è l’adozione di linee guida da parte del Ministro della salute per prevedere modalità di accesso nelle strutture socio sanitarie e socio-assistenziali lungo l’arco della giornata, strumento per prevenire eventuali condotte di maltrattamento o abuso. 
Si prevede inoltre l'attuazione di percorsi di sostegno e ricollocamento del personale dichiarato non idoneo allo svolgimento di mansioni tanto delicate.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento