APPROVATA LA RIFORMA DEL RIO

L’aula della Camera, con 260 sì, ha approvato in via definitiva il disegno di legge Del Rio sulle città metropolitane, province, unioni e fusioni di comuni, contrari F.I. , M5S, Lega Nord e Sel con 158 no e 7 astenuti.


Le proposte di modifica presentate dalle opposizioni sono state tutte respinte. 


Questo disegno di legge modifica la struttura degli enti locali e avviando il percorso per la soppressione delle province, c norma le fusioni tra comuni, disciplina le città metropolitane e le unioni dei comuni e recepisce la domanda di ampliamento dei Consigli comunali dei comuni minori Il completamento del quadro normativo richiederà ora la riforma del Titolo V della Costituzione che modificherà definitivamente organi e funzioni. 


Veramente stucchevoli e artificiose sono state le polemiche dei 5Stelle sul fatto che la norma aumenterebbe di 26.096  il numero dei consiglieri comunali e di 5.600  gli assessori che saranno nominati in seguito all’entrata in vigore del DDL  Del Rio, strumentali perché fingono di non capire che i consiglieri dei piccoli comuni sono dei volontari in altre vesti, che svolgono un ruolo fondamentale per quei territori e per quelle comunità.


Con l’approvazione definitiva di questa  legge sulle Province e le città metropolitane comincia la semplificazione dell’assetto istituzionale italiano che troverà completamento con le riforme costituzionale e la riscrittura del Titolo V.


Si avvia un percorso sicuramente perfettibile, che trasforma le Province in enti di secondo livello, creando le premesse per l’avvio  di aree vaste, che ridefinisce, sanando scelte folli del passato,  le composizioni dei Consigli comunali  e che fa concretamente partire l’istituzione delle Città metropolitane dopo venti anni di rinvii. 


Si era assunto un impegno davanti agli italiani e si è oggi mantenuto quell’impegno.


Mino Taricco


 


Si allega


- il testo della norma, con la precisazione che la Camera in seconda lettura ha approvato il testo


                                   così come modifiacto dal Senato


- e una scheda sintetica dei contenuti


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento