APPROVATA LA RIFORMA DEL SENATO

Dopo l’approvazione di Direzione nazionale del PD   con un voto unanime che il consiglio dei Ministri ha dato il via libera al DDL che cambierà Senato e Titolo V della Costituzione.


Una riforma che da un ulteriore segnale concreto di cambiamento dopo decenni di discussioni confermando che si supera il bicameralismo paritario e che il Senato del futuro non sarà elettivo, costerà molto meno e non voterà né la fiducia né il bilancio.


Anche il capo dello Stato, il presidente Napolitano, ha espresso la sua convinzione sulla bontà del superamento del bicameralismo paritario.


L’obiettivo di arrivare all’approvazione in prima lettura del DDL al Senato, prima delle Elezioni europee, è un obiettivo ambizioso, che insieme all’Italicum e alla riforma del Titolo V,  ha l’ambizione di iniziare quel profondo cambiamento delle Istituzioni che il Paese ci chiede.


Sono ancora molti che faticano ad accettare che la stagione dei tentennamenti è finita, e che ora sia necessario passare ai fatti in tempi rapidi, alcuni lo fanno nella convinzione di voler difendere la qualità delle Istituzioni, altri in modo subdolo agitano la ricerca della perfezione e del meglio, altri ancora chiedono tempo per riflettere, tutti rischiano di ignorare che il tempo è esaurito e che il Paese chiede segnali e risposte oggi, le chiede adesso, e noi vogliamo rispondere dimostrando che siamo capaci di farlo.


Superamento del bicameralismo paritario con la modifica del Senato e le nuove norme sul Parlamento, modifica del Titolo V , abolizione del CNEL,  uniti alla modifica della Legge elettorale sono il segno della capacità delle Istituzioni di riformarsi e di affrontare le sfide che il Paese ha di fronte.


 


Si allega il testo del Decreto e alcune schede di sintesi del provvedimento 


 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4
  Vedi allegato 5

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento