APPROVATA LA STABILITA' 2016

Abbiamo approvato stanotte la Legge di stabilità 2016 che entrerà in vigore da gennaio con 297 voti favorevoli e 93 contrari,  e che contiene tante misure importanti, un pacchetto di norme con l’obiettivo di ridurre le imposte, di sostenere la ripresa e lo sviluppo, di offrire strumenti a chi fa più fatica.
Non risolve sicuramente tutti i problemi, ma ne affronta tanti e fornisce risposte che pensiamo efficaci.
Alla fine, da un valore iniziale di 29,6 miliardi che si sarebbero dovuti impegnare  inizialmente,  è arrivata dopo, le integrazioni di Senato e poi della Camera, ad un valore complessivo di ben 35,4 miliardi.
Ora sarà riapprovata in terza lettura al Senato ed è prevista l’approvazione definitiva entro Natale.

Le principali misure previste dal provvedimento:

- sono neutralizzate  le clausole di salvaguardia, cioè sono stanziate le risorse per evitare gli aumenti di IVA e accise che erano previste dalle precedenti disposizioni legislative per un valore di 16,8 miliardi;
- sono cancellate  IMU e Tasi sull’abitazione principale e la riduzione del 50% dell’IMU anche sulla seconda casa data in ”comodato” a genitori o figli, a due condizioni: il comodato dovrà essere registrato e si dovrà possedere al massimo una prima casa oltre quella data al parente. Inoltre è previsto uno sconto del 25% in favore del proprietario che dà in affitto un’immobile a canone concordato e l’acquisto della prima casa in “leasing”, agevolato per gli under 35 con reddito entro i 55 mila euro, e i Comuni saranno interamente compensati dallo Stato per la perdita di gettito;
- viene libertà per i comuni che hanno risorse in cassa di impegnarle per investimenti per circa 1 miliardo nel 2016 e possibilità di sbloccare i pagamenti di investimenti già effettuati (e finora bloccati dal Patto) a condizione che le amministrazioni abbiano i soldi in cassa;
- complessivo riassetto delle agevolazioni per i terreni agricoli, a tal fine esentando da IMU;
- prorogate al 31 dicembre 2016 delle detrazioni Irpef per interventi di riqualificazione energetica c.d. ecobonus (estese anche agli IACP) e per le ristrutturazioni degli edifici. Le giovani coppie, anche di fatto, possono usufruire di una detrazione fiscale del 50 per cento per le spese sostenute per l'acquisto di mobili nel 2016 fino a 16.000 euro;
- introdotta una misura prevista per vecchi camper che si potranno rottamare e se saranno sostituiti con euro5 potranno beneficiare di un contributo di 8.000 euro;
- l'elenco delle violazioni che possono essere accertate con apparecchiature di rilevamento, dunque anche gli autovelox, si aggiungono le revisioni dei veicoli e le assicurazioni RC auto;
- viene introdotto il pagamento nella bolletta energetica e la riduzione a 100 euro in dieci rate del canone RAI;
- sono previsti ammortamenti per gli investimenti delle imprese al 140% del valore della deduzione a partire dal 15 ottobre 2015 e fino al 31 dicembre 2016;
- miglioramento del regime forfetario per i lavoratori autonomi;
- lotta all'evasione con la fatturazione elettronica e gli strumenti telematici;
- introdotto il regime agevolato per cessioni e assegnazioni di beni ai soci;  
- introdotto aumento degli importi deducibili dall'IRAP in favore di alcuni soggetti di minori dimensioni;
- applicazione opzionale per gli imprenditori individuali di un'imposta sostitutiva di IRPEF e IRAP, con aliquota dell'8 per cento, sugli immobili strumentali;
- viene prevista la proroga dello sgravio contributivo per le nuove assunzioni con contratti di lavoro a tempo indeterminato effettuate nel 2016, consistente nell'esonero dal versamento del 40% dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nel limite di 3.250 euro su base annua, per un massimo di 24 mesi;
- introduzione di una disciplina tributaria specifica per la promozione del welfare aziendale e incentivazione della contrattazione collettiva decentrata, consistente nell'applicazione, per i soggetti con reddito da lavoro dipendente fino a 50.000 euro, di una imposta sostitutiva dell'IRPEF pari al 10% entro il limite di importo complessivo di 2.000 euro lordi, in relazione alle somme e ai benefit corrisposti per incrementi di produttività o sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa;
- introdotte disposizioni volte alla realizzazione di un ulteriore intervento (il settimo) in favore dei soggetti salvaguardati, garantendo l'accesso al trattamento previdenziale con i vecchi requisiti ad un massimo di ulteriori 26.300 soggetti, sia individuando nuove categorie di soggetti beneficiari, sia incrementando i contingenti di categorie già oggetto di precedenti salvaguardie, attraverso il prolungamento del termine (da 36 a 60 mesi successivi all'entrata in vigore della riforma pensionistica) entro il quale i soggetti devono maturare i vecchi requisiti. Per effetto di tali disposizioni il limite massimo numerico di soggetti salvaguardati viene stabilito a 172.466.
- introduzione di una disciplina che consente di trasformare (in presenza di determinati requisiti anagrafici e contributivi) il rapporto di lavoro subordinato da tempo pieno a tempo parziale, con copertura pensionistica figurativa e corresponsione al dipendente, da parte del datore di lavoro, di una somma pari alla contribuzione pensionistica che sarebbe stata a carico di quest'ultimo (relativa alla prestazione lavorativa non effettuata). 
- le famiglie numerose, con più di tre figli minorenni, potranno richiedere la ”carta della famiglia” che, sulla base dell’ISEE, permetterà di accedere loro a sconti su servizi pubblici e privati aderenti. 
- stanziati 100 milioni per la legge ‘dopo di noi’, in favore di disabili che rimangono senza genitori; 
- rifinanziamento del Fondo per la non autosufficienza per un totale di 400 milioni di euro;
- per  i neo-papà, verranno riconosciuti due giorni di congedo obbligatorio; il voucher baby sitter si estende in via sperimentale anche alle lavoratrici autonome;
- per quanto riguarda le pensioni, confermata la no tax area sale a 8000 euro; 
- sale a 3.000 euro il tetto per il pagamento in contante,  per la pubblica amministrazione e per gli over-75 il limite massimo dei pagamenti che possono essere effettuati cash resta di 1.000 euro;
- per quanto riguarda il pensionamento anticipato delle donne, si verificheranno le risorse per finanziare Opzione Donna entro settembre, valutandone eventualmente la proroga.
- si incrementa lo stanziamento in favore della nuova Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e si prevede la creazione di un fondo dotato di 1 milione di euro a partire dal 2016 per coprire le spese per i collegi arbitrali internazionali;
- arrivano i fondi per combattere l'emergenza terrorismo. Un miliardo, tra cui 150 milioni di euro per contrastare il cybercrime, 50 milioni per gli equipaggiamenti delle forze dell'ordine, 35 milioni di euro per le assunzioni sempre di polizia, carabinieri e guardia di Finanza e 300 milioni per il bonus da 80 euro al mese per le forze dell'ordine. Mobilitati anche i poliziotti che stanno in ufficio e chi è addetto alla scorta. Altre risorse poi sono destinate in particolare al settore della Difesa. Sì anche al credito d'imposta (15 milioni) per favorire l'acquisto da parte di cittadini di impianti di videosorveglianza elettronica.
- sono previste misure per la lotta alla povertà, con particolare attenzione alla povertà infantile;
- il fondo Sanità sale a 111 miliardi nel 2016;
- incrementato, a partire dal 2016, del Fondo per il finanziamento ordinario Università, destinandolo in parte all'assunzione di ricercatori a tempo determinato e al conseguente, eventuale, passaggio alla posizione di professore associato e, in altra parte, all'incremento della quota premiale. Inoltre, si istituisce il Fondo per le cattedre universitarie del merito, destinato al reclutamento per "chiamata diretta" per elevato merito scientifico di professori ordinari e associati, secondo "procedure nazionali" da definire con un DPCM. Si prevede poi che, dal 2016, le università che rispettano determinati parametri finanziari possono assumere ricercatori a tempo determinato senza le limitazioni da turn over. Infine, si incrementano le risorse per la formazione specialistica dei medici, al fine di aumentare il numero dei relativi contratti;
- sul salva-banche e salva-risparmiatori relativamente ai  quattro istituti di credito oltre alle norme del Decreto sono state inserite  una serie di misure che parzialmente salvaguardano anche quei risparmiatori che hanno investito nei bond più rischiosi.
- Per i 18enni dal 2016 prevista una card del valore di 500 euro da spendere in libri, eventi culturali, mostre e concerti. 
- nel settore dei giochi: insieme a ritocchi sul fronte della tassazione, arriva lo stop alla pubblicità in tv e radio (ma non su internet) dalle 7 alle 22.
- prevista la possibilità di poter pagare piccole spese, anche un caffè, con il bancomat e, da luglio, i parcheggi nelle strisce blu.
-
Un elenco sommario ma che rende l’idea della importanza di questo provvedimento. 
Certo poi ci sono anche quelle che vengono chiamate “marchette”, misure che stanziano risorse per piccoli interventi locali, che dovrebbero essere affidate agli strumenti ordinari e all’attività degli Enti locali, certo alcune misure personalmente, come ho spiegato in tanti incontri, le avrei scritte in modo diverso, più attento all’equità e alla tutela della giustizia sociale,  ma nel complesso una stabilità ampiamente positiva che vuole dare la scossa al paese e rimetterlo in moto, ridando fiducia a tanti.

In allegato la scheda dettagliata dei contenuti del provvedimento
Ed una sceda più sintetica 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento