APPROVATA LEGGE A SOSTEGNO DELLA CULTURA E DEL TURISMO

La Camera dei Deputati ha approvato mercoledì 9 luglio un Decreto Legge che interviene per tutelare il patrimonio culturale in Italia e per sostenere il settore del turismo del Paese: il provvedimento, discusso dall’Assemblea di Montecitorio in prima lettura, ha ricevuto 285 voti favorevoli, nessuno contrario e 159 astenuti.


Da questo decreto emerge con forza l’attenzione rivolta dall’attuale Governo e dal Parlamento verso due settori non soltanto rappresentativi e centrali per l’identità del Paese ma anche strategici per l’economia e il settore occupazionale.


Da un lato, il provvedimento impieghi risorse economiche e sgravi fiscali per incentivare interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici, quali musei, pinacoteche, gallerie e altri luoghi espositivi, archivi, raccolte librarie e  biblioteche, e, dall’altro, per sostenere e rilanciare l’attività e la competitività dei soggetti e degli enti che operano nella cultura e nel turismo in Italia, come ad esempio le Fondazioni lirico-sinfoniche, le sale cinematografiche e le imprese alberghiere.


Oltre a questo, gli interventi, previsti dal provvedimento, sono finalizzati a tutelare lo stato e fronteggiare le situazioni di emergenza dei siti monumentali e archeologici di Pompei e della Reggia di Caserta.


Nel progetto complessivo di ammodernamento e riforma approntato dal Governo Renzi, non poteva mancare un’attenzione rivolta al grande patrimonio che i molti siti monumentali, le attività culturali e l’afflusso di visitatori rappresentano per il nostro Paese. In questo senso, per quanto riguarda le misure del decreto sul patrimonio culturale è fondamentale ricordare l’introduzione dell’Art-bonus, un regime fiscale agevolato per tutti i soggetti che faranno donazioni in denaro a favore del settore, e un piano per affrontare le emergenze di alcuni siti archeologici, tra cui Pompei e la Reggia di Caserta, per la quale è prospettata la nomina di un Commissario straordinario per i lavori di riqualificazione. Accanto a ciò, nuove assunzioni nel settore per compiti di accoglienza del pubblico e vigilanza dei beni culturali e, infine, misure di sostegno finanziario per le fondazioni lirico-sinfoniche e la produzione cinematografica e audiovisiva. Ma il decreto rivolge anche un’attenzione particolare alla specificità del turismo: con l’obiettivo di rilanciarne la competitività, esso prevede la concessione di un credito di imposta per gli esercizi ricettivi che compiano un’opera di digitalizzazione e le imprese alberghiere che portino avanti lavori di ristrutturazione, senza dimenticare la semplificazione degli adempimenti burocratici per le strutture turistiche e le agenzie di viaggi e una riforma generale della struttura e dei compiti dell’ENIT, l’Agenzia nazionale del turismo, che necessitava di questo intervento. Le misure elencate rispondono dunque a un progetto unitario, che ha come obiettivo una radicale rivitalizzazione e un concreto rilancio di questi due settori.


Il Decreto era stato presentato dal Governo lo scorso 22 maggio, in collaborazione con il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini e il ministro dell’Economia e delle Finanze Pietro Carlo Padoan, e durante l’esame delle Commissioni della Camera e i lavori dell’Aula ha ricevuto alcune modifiche. Ora il provvedimento viene trasmesso al Senato, che lo dovrà esaminare per permetterne la conversione definitiva in legge.


 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento