APPROVATO ALLA CAMERA IL DDL CONCORRENZA

La legge sulla concorrenza passa alla Camera e dovrà tornare in Senato per la quarta lettura in seguito al via libera con modifiche .

Parliamo di misure importanti per il Paese: la concorrenza è infatti fattore essenziale per la crescita, mercati aperti e concorrenziali accrescono l’efficienza del sistema economico, aumentano la competitività delle imprese attraverso la riduzione del prezzo dei servizi e dei costi di produzione e offrono ai consumatori una scelta più ampia di prodotti e servizi, a prezzi più competitivi e di maggior qualità.

Gli obiettivi del ddl sono rimuovere gli ostacoli all’apertura dei mercati, promuovere lo sviluppo della concorrenza, garantire la tutela dei consumatori, sulla base delle specifiche indicazioni dell’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.

Gli ambiti di maggiore interesse contenuti nel provvedimento riguardano: assicurazioni, fondi pensione, comunicazioni, pagamenti digitali, servizi postali, energia, distribuzione dei carburanti, ambiente, servizi bancari, professioni, sanità, turismo, trasporti.
In un settore complesso e delicato come quello assicurativo, l’obiettivo è trovare un giusto equilibrio tra le esigenze di razionalizzare i costi che gravano sul sistema e sui consumatori, consentire ampia libertà di scelta ai cittadini, assicurare il diritto delle vittime dei sinistri al pieno risarcimento del danno subito e garantire il corretto funzionamento del mercato.

In merito al tacito rinnovo delle assicurazioni, va precisato che il divieto di tacito rinnovo per le assicurazioni obbligatorie viene  mantenuto e nel caso delle polizze RC auto obbligatorie viene esteso anche ai rischi accessori.
L’abolizione del divieto, inserito dal Senato, di tacito rinnovo riguarda invece le assicurazioni non obbligatorie. 

Per quanto riguarda il settore dell’energia, nel corso dell’esame parlamentare sono state introdotte disposizioni per garantire i consumatori, attraverso la comparabilità delle offerte, la verifica delle condizioni della piena liberalizzazione, una serie di comunicazioni obbligatorie da attuare prima della fase del passaggio definitivo alla piena liberalizzazione stessa.
Sono state confermate le disposizioni riguardanti la razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti e rafforzate le norme in materia ambientale.

Nei servizi bancari, sono state innovate le disposizioni sulla trasparenza nella vendita di polizze assicurative accessorie a contratti di finanziamento e a mutui e introdotte nuove disposizioni in tema di tutela della concorrenza e della trasparenza nel settore della locazione finanziaria.

In tema di trasporti, sono state introdotte deleghe al Governo per la revisione della disciplina degli autoservizi pubblici non di linea e per favorire la mobilità sostenibile e lo sviluppo delle smart city e misure per favorire lo sviluppo del sistema logistico nazionale.

In ambito del turismo, è stata disposta la nullità di ogni patto con il quale l'impresa turistico-ricettiva si obbliga a non praticare alla clientela finale, prezzi, termini e ogni altra condizione che siano migliorativi rispetto a quelli praticati dalla stessa impresa per il tramite di soggetti terzi, indipendentemente dalla legge regolatrice del contratto.

In allegato una scheda
del provvedimento e di seguito
le
pagine del sito del Gruppo PD alla Camera dedicato al tema
 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento