APPROVATO ALLA CAMERA PER IL DECRETO STADI

Giovedì 9 ottobre l’Aula di Montecitorio ha approvato in prima lettura il cosiddetto “Decreto Stadi”, con 289 voti a favore, 144 contrari e 2 astenuti. Il decreto contiene alcune misure particolari per contrastare la violenza negli stadi e garantire la legalità e la regolarità delle manifestazioni sportive; oltre a ciò, esso interviene in altri due settori, quello della protezione internazionale e del sostegno e l’accoglienza per gli immigrati e quello della funzionalità del Ministero dell’Interno.


Per quanto riguarda la prevenzione della violenza negli stadi il decreto regola il Daspo, provvedimento con cui il questore può vietare l’accesso ai luoghi dove si svolgono le competizioni sportive a determinati soggetti: le misure introdotte permettono l’applicazione del Daspo anche a chi, seppur non avendo subito una condanna, sia stato coinvolto in comportamenti pericolosi e violenti e ne aumentano la durata per i recidivi e per chi si macchia di violenza di gruppo. Oltre a ciò sono previsti aumenti di pena per la frode nelle competizioni sportive e il divieto per le società sportive di rendere benefici e vendere biglietti e abbonamenti ad alcuni soggetti, tra cui gli stessi condannati al Daspo. Durante l’esame in Commissione è


stato poi aggiunto l’obbligo, sempre per le società sportive, di impiegare una percentuale degli incassi delle partite, che oscilla tra l’1% e il 3%, per sostenere i costi di sicurezza e ordine pubblico.


In aggiunta a queste disposizioni, il decreto interviene anche in materia di protezione internazionale dei richiedenti asilo: nei dettagli, sono previsti un aumento da 10 a 20 delle Commissioni territoriali per il riconoscimento della stessa protezione, lo stanziamento di risorse finanziarie per l’accoglienza degli immigrati e l’esclusione delle spese finanziarie di alcuni Comuni, affrontate in relazione agli sbarchi dei profughi, da quelle rilevanti per il rispetto dei limiti del patto di stabilità interno.


Infine, sono previste misure per la funzionalità del Ministero dell’Interno: ammodernamento dei mezzi della Polizia di Stato e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, utilizzo in via sperimentale del Taser, la pistola elettrica, e riqualificazione delle auto dismesse dall’amministrazione pubblica ad uso delle forze


di sicurezza.


Il provvedimento ora passa all’esame del Senato.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento