APPROVATO ALLA CAMERA UN ODG PER LE ECCEZIONALI PRECIPITAZIONI IN PIEMONTE

E’ stato approvato l’Ordine del Giorno presentato collegato alla conversione in Legge del Decreto emergenze ambientali nel quale chiedevo attenzione al Governo in merito ai danni e alla necessità di prevenzione futura in Piemonte in relazione alle eccezionali conseguenze del amltempo della primavera del 2013.
Infatti la primavera 2013 nella nostra regione è stata caratterizzata da intense precipitazioni che hanno interessato larga parte di territorio a partire da inizio marzo : dalla seconda metà di aprile al 20 maggio una serie di eventi hanno determinato una pioggia cumulata media sul Piemonte di 350 mm con valori in alcune zone che hanno raggiunto gli 800 mm che è quasi l’equivalente della ordinaria precipitazione annuale.
Gli eventi verificatisi sono stati drammatici soprattutto nei periodi di fine aprile e di metà maggio e precisamente nei giorni 15-19 maggio 2013 quando ha colpito diffusamente tutta la regione piemontese, determinando effetti che, in molti casi, si sono sommati a quelli più locali del precedente evento 27 aprile 2 –maggio.
Complessivamente sono state registrate precipitazioni ingenti e fortemente concentrate a
carattere temporalesco, che hanno localmente raggiunto valori massimi sino ai 240 mm in 5 giorni di valore cumulato.
Già a partire dal 3 e dal 24 maggio 2013 la Regione Piemonte ha richiesto al Dipartimento di Protezione Civile la dichiarazione di stato di emergenza ai sensi della Legge 225/1992 , e l’istruttoria del Dipartimento è risultata positiva e allo stato si attende la Deliberazione del Consiglio dei Ministri per il riconoscimento richiesto .
Ad una prima conta dei danni , tra gli interventi già eseguiti e quelli ancora da eseguire ma urgenti in relazione ai due periodi sopra citati i danni già accertati sommano a oltre 56 milioni di euro.
Molte altre realtà territoriali hanno situazioni analoghe di danni e di difficoltà
L’approvazione dell’Ordine del Giorno ha come obiettivo se si apriranno spazi di intervento nazionali di poter attingere a questi per gli ingenti danni della nostra regione .

Mino Taricco


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento