APPROVATO DISEGNO LEGGE PER RICALCOLO VITALIZI EX PARLAMENTARI

Ieri abbiamo approvato il Disegno di Legge che introduce il ricalcolo con il sistema contributivo del trattamento previdenziale anche dei Parlamentari e Consiglieri di Regioni e Province autonome, adesso il provvedimento passa al Senato.

Per Deputati e Senatori alla prima legislatura, quelli che siamo stati eletti nel 2013, il cosiddetto  “Vitalizio” non c’è mai stato,  in quanto era già stato abolito a partire dal 2012, per noi da subito era previsto un sistema di integrazione pensionistica, calcolato con metodo contributivo sulla base dei contributi versati.

Personalmente ho sottoscritto sin dal 2015 il Disegno di Legge Richetti, e sono convinto da anni della necessità di ricalcolare i trattamenti previdenziali di Deputati, Senatori e Consiglieri regionali,  e da sempre sono stato convinto della necessità che dovesse essere applicato anche a chi già lo percepisce, almeno a partire da una soglia di importo ragionevole.

Ciò nonostante nutrivo forti dubbi sulla costituzionalità di un provvedimento siffatto, che andasse a incidere oltre che su chi ha già maturato il diritto ma non lo riceve ancora, anche su chi già lo percepisce. 
Le audizioni, gli approfonditi pareri  pervenutici sul tema ed il confronto con  molti esperti ha fornito molti elementi a sostegno della costituzionalità del provvedimento e mi ha quindi rafforzato sulla convinzione di bontà dello stesso.



  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento