APPROVATO IL DDL SUL CONFLITTO DI INTERESSI

Approvato alla Camera il ddl sul conflitto di interessi con 218 voti favorevoli, 94 no, 8 astenuti. Il testo passa ora all'esame del Senato. 
Numerose le modifiche apportate da Commissione e Assemblea alla proposta di legge che abroga la Frattini che era assolutamente insufficiente, e introduce il concetto di conflitto di interessi preventivo.

Destinatari delle norme sono presidente del Consiglio, vicepresidenti, ministri, viceministri, sottosegretari, commissari straordinari di governo, membri delle Authority e degli organi di vertice della Banca d’Italia, presidenti delle Regioni e delle Province autonome e componenti delle rispettive Giunte, parlamentari italiani e consiglieri regionali.
Finalmente abbiamo chiuso in modo adeguato una questione aperta da più di vent’anni. Questa legge sul conflitto d’interessi tutela la trasparenza delle istituzioni e l’interesse generale. I titolari delle cariche di governo non possono contemporaneamente ricoprire altri uffici pubblici, ad eccezione di quello di parlamentare, così come qualunque impiego pubblico o privato, o lavoro autonomo o attività imprenditoriali, anche per interposta persona o attraverso società fiduciarie. Ora  è il turno del Senato, l'approvazione rapida della legge sarà un fatto importante per confermare la qualità delle nostre istituzioni. 

La normativa approvata finalmente introduce concetti chiave per la gestione dei conflitti d’interesse: l’astensione, per cui il titolare di una carica di governo nazionale è obbligato ad astenersi dall’esercizio delle sue funzioni e non prendere decisioni, adottare atti o partecipare a deliberazioni tali da produrre, nel patrimonio dello stesso, del coniuge, del convivente o dei parenti entro il secondo grado, un vantaggio; il blind trust, attivo quando il titolare della carica di governo nazionale possiede (anche per interposta persona o tramite società fiduciarie) partecipazioni nei settori difesa, energia, credito, opere pubbliche, comunicazioni, editoria, pubblicità, servizi pubblici, oppure quando il titolare della carica, per la concentrazione di interessi patrimoniali e finanziari nel medesimo settore di mercato, può trovarsi condizionato nell’esercizio delle funzioni pubbliche. In questi casi, le soluzioni sono il contratto di gestione o l’obbligo di vendita, o in estrema ratio, le dimissioni. 
Altre le norme importanti: l’obbligo di dichiarazione entro venti giorni dall’assunzione dell’incarico di governo per valutare l’esistenza di eventuali conflitti di interessi; le sanzioni da un minimo di 5.000 ad un massimo di 50.000 euro qualora non siano rispettati i termini per la presentazione delle dichiarazioni; l’ineleggibilità per coloro che abbiano la titolarità o il controllo di imprese. 

Autorità garante sarà l’Antitrust, chiamata ad attuare le norme previste dalla legge sul conflitto di interessi. Composta da cinque membri, tre eletti dalla Camera e due dal Senato, rispettando il principio dell’equilibrio di genere, scelti nell’ambito di elenchi rispettivamente di 12 e 8 componenti individuato dalle competenti commissioni dei due rami del Parlamento sulla base dei curricula pervenuti. Al suo interno dovrà poi eleggere il presidente. Possono farne parte persone di dichiarata indipendenza e di specifiche competenze e professionalità, da individuarsi tra professori universitari ordinari in materie giuridiche ed economiche, magistrati delle giurisdizioni superiori ordinarie, amministrative e contabili, avvocati dello Stato, avvocati e commercialisti dopo quindici anni di esercizio della professione nonché tra altre personalità provenienti da settori economici dotate di alta e riconosciuta professionalità e competenza. L’Autorità competente per l’applicazione della legge nei confronti dei membri dell’Antitrust sarà l’Autorità nazionale anticorruzione.

Ho avuto modo di affermare in più occasioni la mia convinzione che i conflitti d’interesse vadano superati e che tutte le scelte debbano mirare a non generarli. Quando sono stato eletto nel mio ruolo istitutzionale, ero attivo sul territorio a vario titolo, con cariche in Consorzi, associazioni, enti locali, ed ho prontamente rassegnato le dimissioni da tutte le cariche, proprio per evitare commistioni e conflitti nello svolgimento della mia attività istituzionale. Ritengo infatti che un servizio per la comunità, debba essere per la comunità tutta, nel suo complesso, e non per una sua parte, dichiarata o celata. Questa legge permette di regolare in modo equilibrato, chiaro ed esplicito le modalità di azione quando si ricoprono ruoli istituzionale e di governo. 

Qui in allegato una scheda sul Ddl.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento