APPROVATO IL DEF


Il DEF (Documento di Economia e Finanza) è un documento che va presentato dal Governo al Parlamento entro il 10 aprile di ogni anno (prima il termine era il 30 giugno).


E’ il principale strumento di analisi e di programmazione economico-finanziaria per il Paese.


La sua importanza è tale anche perché ha un orizzonte temporale di almeno tre anni.


Le analisi e gli obiettivi di bilancio fissati nel DEL sono il presupposto per le successive decisioni del Governo,  e sono la premessa alla Legge di stabilità che sarà varata nel mese di ottobre.


 


 


Il Def  2014 come ha detto il Presidente del Consiglio ha un approccio prudente e stima la crescita del Pil allo 0,8%, quindi inferiore a quella prevista del precedente Governo.


Il deficit è valutato nel limite Ue del 3% mentre il debito pubblico schizzerà quest’anno al record assoluto del 134,9% del Pil ( 133,2 a  settembre). La dinamica del debito è in larga parte dovuta al contributo italiano al Fondo salva-stati, alla restituzione dei debiti della PA  e soprattutto al fatto che il PIL non cresce nemmeno a livello nominale.


Nel DEF viene confermato lo sconto Irpef per chi ha guadagna fino a 25.000 euro lordi annui, gli 80 euro mensili ed è prevista anche una soluzione per i cosiddetti incapienti.


Il corrispondente Decreto è previsto tra  10 giorni. L’operazione sulle buste paga costerà a regime 10 miliardi e per quest’anno varrà 6,7 ( da maggio).


Sul fronte delle entrate oltre un miliardo arriverà dal sistema bancario attraverso un aumento delle tasse sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia, che dal 12% potrebbe essere raddoppiata o quasi.


I tagli del commissario Cottarelli contribuiranno nel 2014 per 4,5 miliardi, che dovrebbero però salire a 17 miliardi nel 2015 e 32 l’anno successivo.


In arrivo anche la riduzione dell’Irap per le imprese  che per il 2014 sarà del 5%, mentre a regime sarà del 10%, finanziato con un aumento delle tasse sulle rendite finanziarie dal 20 al 26%.


Oltre alle misure di copertura per il taglio Irpef, il decreto di venerdì 18 interverrà sugli stipendi di manager e dirigenti pubblici, con un tetto massimo pari a 238.000 euro l’anno (compenso del Presidente della Repubblica) per i vertici, e riduzioni a cascata per tutte le figure di responsabilità.


In allegato il sito del MEF con il testo integrale e gli allegati


ed  i pdf dei due documenti centrali


 


  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento