APPROVATO IL JOBS ACT ALLA CAMERA

Durante la seduta di oggi 25  novembre 2014 alla Camera dei Deputati abbiamo approvato, con 316 i voti favorevoli, 5 astenuti e 6 i contrari,  il Jobs Act, il disegno di legge delega sul lavoro, permettendone il ritorno al Senato dove dovrà ricevere il via libera definitivo.


Il provvedimento contiene una serie di deleghe al Governo, ed i criteri per orientare i decreti in materia di semplificazione delle forme contrattuali di  lavoro, di ammortizzatori sociali, di strumenti e politiche per l’occupazione e di conciliazione.


Alcune delle linee guida introdotte dalla legge sono di fondamentale importanza : da una parte l’opera di modernizzazione del settore lavorativo, con la complessiva riorganizzazione delle forme contrattuali esistenti e la semplificazione delle procedure, e dall’altra la tutela delle fasce più deboli, con una nuova disciplina degli ammortizzatori sociali e la previsione di strumenti e percorsi di accompagnamento e di riqualificazione per chi ha perso la  propria occupazione.


Il settore del lavoro è profondamente mutato durante gli ultimi anni, nelle sue dinamiche interne, nei suoi protagonisti e nelle problematiche connesse. Per questi motivi, se vogliamo allinearlo con i cambiamenti avvenuti e rimediare ai molti punti critici che ostacolano le imprese e i lavoratori, dobbiamo intervenire e riformarne gli aspetti che non riescono più a fornire risposte adeguate alle esigenze attuali.


In un contesto nel quale vi sono lavori che spariscono ed altri evolvono in forme nuove, non si può più solamente difendere i posti di lavoro, ma ci si deve dotare di strumenti per accompagnare e difendere i lavoratori, nella formazione e nella riqualificazione, e nella ricerca di nuove opportunità di lavoro.


Il Jobs Act cerca proprio di muoversi in questa direzione, prospettando una semplificazione e modificazione dei molti tipi di contratto esistenti, l’introduzione, per i neoassunti, del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e l’elevazione dello stesso contratto a tempo indeterminato a modalità comune di rapporto lavorativo. Tra i princìpi direttivi, poi, una rimodulazione dell’Assicurazione sociale per l’impiego (Aspi), la creazione di meccanismi di inserimento nel mondo del lavoro per i disoccupati e, infine, l’istituzione di un’Agenzia nazionale per l’occupazione.


Vorrei poi segnalare, tra le novità introdotte da questa seconda approvazione, oltre la conferma del reintegro per i licenziamenti discriminatori, il diritto al reintegro anche per quelli disciplinari ingiusti e il ricorso a un indennizzo crescente per i licenziamenti economici.


Una buona norma che va letta nell’insieme, contratti, ammortizzatori, conciliazione, strumenti e che deve essere letta per le risposte verso i lavoratori, verso i giovani e verso chi perde il lavoro.


L’ambizione è di poterne avviare l’applicazione a partire da gennaio con l’approvazione dei Decreti legislativi in tempi rapidi. Un lavoro da fare presto e bene.


Il testo della Legge delega torna ora al Senato. In tema di lavoro e occupazione, il Parlamento aveva già approvato il 15 maggio il cosiddetto “Decreto Poletti”.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento