APPROVATO IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020

Approvato oggi in via definitiva dalla commissione con documento n°  c (2015) / 7456 a Bruxelles  il PSR, Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 per la Regione Piemonte. 
La proposta definitiva del nuovo PSR era stata inviata in via ufficiale il 15 ottobre, revisionata a seguito delle osservazioni ricevute dai Servizi della Commissione Europea.
Oggi il via definitivo dalla Commissione europea all’intero programma con tutte le azioni e le misure previste, nelle prossime settimane i primi bandi attesi dal mondo agricolo.
Il PSR 2014-2020 della Regione Piemonte entra quindi adesso nel vivo, mettendo in campo le misure per perseguire quello straordinario passo avanti per la nostra agricoltura e per tutto il nostro territorio rurale.
Le finalità del Programma sono infatti di straordinaria attualità, hanno come obiettivi il trasferimento di conoscenze e innovazione, la competitività dell’agricoltura, le filiere alimentari, il benessere degli animali e la gestione dei rischi, l’ambiente (biodiversità e paesaggi, acque, suoli), il cambiamento climatico (efficienza nell’uso delle risorse e riduzione delle emissioni), l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo delle zone rurali.
Dopo l’enorme ritardo che l’attuale Amministrazione ha raccolto dalla precedente, il lavoro fatto ha permesso di superare le centinaia di osservazioni della Commissione europea e di arrivare all’approvazione definitiva di oggi. Il PIL del settore agricolo è di oltre 3 miliardi di euro e raggiunge e supera i 6 con tutto l’agroalimentare, l’export agricolo arriva all’8% dell’export regionale, a fronte di quasi 60.000 aziende attive. Il PSR vale 1,09 miliardi di euro, di cui 471 milioni di euro di fondi Ue e 622 di cofinanziamento nazionale e sosterrà quasi 4.000 imprenditori agricoli che riceveranno aiuti per l’ammodernamento delle loro aziende e 1.200 giovani agricoltori che otterranno sostegno per l’insediamento iniziale e l’adeguamento strutturale delle aziende. Possiamo dire che non sarà la soluzione di tutti i problemi del Piemonte agricolo, ma è pur vero che queste risorse rappresentano uno straordinario strumento per migliorare l’agricoltura e per renderla più competitiva.
Le Risorse
Le risorse finanziarie sono messe a disposizione per il 43% dall’Unione Europea, per il 40% dallo Stato e per il 17% dalla Regione. Si parla di numeri significativi che permetteranno una importante ricaduta territoriale. 
L’attuazione, come in passato, sarà attraverso misure finalizzate attraverso bandi specifici che mirano all’introduzione di innovazioni, per il miglioramento del capitale umano e per la qualificazione delle produzioni; di sostegno agli investimenti delle aziende agricole e di trasformazione e per lo sviluppo delle zone rurali; misure per pratiche agricole e forestali a favore dell’ambiente e del cambiamento climatico.
Le Misure per innovazione, per il miglioramento del capitale umano e per la qualificazione delle produzioni saranno così suddivise: 44,5 Meuro per Formazione, informazione e scambi interaziendali (4,1%); 34,0 Meuro per Servizi di consulenza alle aziende agricole (3,1%); 30,7 Meuro per Adesione ai regimi di qualità (2,8%) e infine per la Cooperazione 35,2 Meuro (3,2%).
Le Misure di sostegno agli investimenti in agricoltura prevedono 291,0 Meuro (26,6%) per Investimenti in immobilizzazioni materiali (miglioramento aziende agricole, agroindustria, infrastrutt. agrosilvopastorali, investimenti non produttivi a finalità ambientale), 10,5 Meuro (1,0%) per Prevenzione e ripristino danni da calamità naturali, 61,0 Meuro (5,6%) per Sviluppo delle aziende agricole (premio giovani e diversificazione).
Per quanto concerne le Misure per investimenti nel settore forestale saranno a disposizione 38,6 Meuro (3,5%) per Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e per il miglioramento della redditività delle foreste. A favore delle Misure per lo sviluppo delle zone rurali ci saranno 89,1 Meuro (8,2%) per Servizi di base e rinnovamento dei villaggi (piani di sviluppo e manuali, banda larga, infrastrutture per il turismo rurale, ristrutturazione alpeggi).
Le Misure per pratiche agricole e forestali a favore dell’ambiente e del cambiamento climatico avranno a disposizione 263,3 Meuro (24,1%) per Pagamenti agro-climatico-ambientali, 25,5 Meuro (2,3%) per Agricoltura biologica, 60,0 Meuro (5,5%) di Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali (pagamento compensativo per le zone montane). 

Aspettiamo ora i passi successivi che vedranno tra il 26 e il 27 novembre 2015 la Costituzione del Comitato di sorveglianza del PSR, l’approvazione del regolamento interno, l’esame dei criteri di selezione degli interventi e della programmazione dei bandi. Entro la fine del 2015 potranno così essere emanati i bandi delle principali misure a investimento e nella primavera del 2016 avverrà l’emanazione dei bandi delle misure a superficie. E’ una grande e concreta opportunità per il settore e i suoi operatori, va colta con attenzione e fiducia in un’ottica di sviluppo complessivo in linea con le direttive europee.

Di seguito il link al sito della Regione dove è possibile consultare e scaricare il PSR

ed in allegato document di approfondimento del PSR 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento