Approvato il Collegato Agricolo

La camera ha approvato ieri il Collegato Agricolo, con 240 sì, nessun no e 120 astensioni. Così, il disegno di legge con le deleghe al governo e ulteriori disposizioni in materia di semplificazione, razionalizzazione e competitività dei settori agricolo, agroalimentare, della pesca e dell'acquacoltura, torna all'esame del senato per la terza lettura. Nessuna modifica sostanziale al testo presentato dalla commissione agricoltura.

Sono molto soddisfatto. Parlare di Agricoltura significa parlare di una molteplicità di aspetti della vita dei nostri territori. Il Collegato è un tassello importante di un percorso di attenzione che governo e Parlamento hanno dedicato all'agricoltura, da decenni purtroppo trascurata. Nell’ultima legislatura, tranne l’intervento sulle quote latte, che ha devastato il settore lattiero caseario, non ci sono state altre misure significative per un settore che ha ricadute tra le più importanti nel paese. Durante questa legislatura siamo già intervenuti con il decreto sulla competitività, il decreto sui settori in crisi e, nell’ultima legge di stabilità, con una serie di strumenti per favorirne lo sviluppo. 

Questo testo prevede misure riguardanti la semplificazione normativa, misure per agevolare il  lavoro dei giovani,  provvedimenti per le filiere, sia quelle in crisi sia quelle con grandi potenzialità. Contiene norme sulle sanzioni relative alla pesca, norme di semplificazione e valorizzazione dei prodotti del settore apistico, della filiera del riso, inoltre è stato introdotto il contrasto al bracconaggio. 
Abbiamo inserito una norma sulle società di affiancamento e sulla banca della terra, vale a dire l’istituzione, presso ISMEA, della Banca delle terre agricole con l'obiettivo di creare un inventario dei terreni agricoli disponibili a causa dell'abbandono dell'attività agricola e di prepensionamenti. Ci sono norme per  accompagnare il processo di reinsediamento e per offrire prospettive ad aziende che altrimenti non avrebbero avuto più futuro. Si sono poste le basi per gli aiuti al settore ippico in difficoltà e per colmare il vuoto legislativo relativo ai numerosi birrifici artigianali italiani che hanno lanciato sul mercato un nuovo straordinario prodotto del Made in Italy di qualità.

Numerose infatti le novità inserite nel Collegato: dalla delega al riordino della forestazione e alla manutenzione del verde, all’istituzione del SIB, Sistema Informativo per il Biologico, ai decreti legislativi per il riordino degli strumenti di gestione del rischio in agricoltura e per la regolazione dei mercati, favorendo lo sviluppo di strumenti assicurativi a copertura dei danni alle produzioni e alle strutture agricole, norme precise su prodotti derivati dalla trasformazione del pomodoro, disposizioni sulla filiera del riso, oltre alle norme sulle sanzioni per la pesca e contro il bracconaggio in acque interne.

È il frutto di un buon lavoro di squadra. Abbiamo lavorato su questo Collegato con la consapevolezza che occuparsi di agricoltura equivale a prendersi cura di tutti gli aspetti che sono ad essa collegati, dal paesaggistico all' ambientale, a quello delle nostre tradizioni e della nostra cultura».
 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento