BELLA SERATA IERI SERA

Bella serata ieri sera, di confronto e di discussione sull'esperienza della nuova legislatura e del nuovo Governo, molto partecipata e con interventi interessanti e stimolanti .
Abbiamo ripercorso i fatti degli ultimi mesi a partire dalle Elezioni di febbraio e a seguire dalla precedente serata di Fossano dell’11 marzo 2013 .
Ho ricordato brevemente i passaggi dall’insediamento della camera e del Senato , alla elezione a Presidenti di Boldrini e di Grasso , ai tre pazzeschi giorni della elezione del Presidente della Repubblica , al giuramento di Napolitano a Presidente , all’incarico a Letta , alla fiducia al suo Governo il 30 aprile .
Fino alla successiva nomina dei Sottosegretari e all’insediamento delle Commissioni .
Due mesi che sono stati il culmine di una stagione di errori e di sottovalutazioni che hanno portato il Partito Democratico a dissipare un margine significativo di consensi e a risultare “non vincente” alle elezioni di fine febbraio , compromettendo, purtroppo pesantemente, quel progetto di cambiamento che il Paese chiedeva e di cui il PD si era fatto interprete e promotore .
Sicuramente anche frutto e risultato di quella legge elettorale, “il porcellum”, che colpevolmente non era stata cambiata nella precedente legislatura , e di una insufficiente ed altalenante valorizzazione della risorsa Renzi , nella convinzione di poter vincere comunque.
Una gestione della campagna elettorale sinceramente incomprensibile sia nel progetto proposto che nelle modalità di conduzione . In molti hanno fatto notare che il vero programma , gli otto punti , purtroppo sono stati proposti solo dopo le elezioni .
Per arrivare ai giorni della elezione del Presidente della Repubblica, dopo quei quaranta giorni che hanno seguito il 24 e 25 febbraio 2013 , di disorientamento del Paese ma in particolare degli elettori del PD .
Dei giorni che hanno portato alla elezione di Napolitano avevo già parlato in precedenza
con una mail i cui contenuti li potete trovare QUI

Gli interventi di molti hanno evidenziato prevalentemente :

- Il fatto che i guai del PD fossero iniziati già con le regole e le chiusure delle primarie per la premiership e con la mancata comprensione della domanda di cambiamento, nel progetto e nelle persone, che proveniva dal Paese ;
- La gestione assurda di una campagna elettorale nella quale gli otto punti sono arrivati solo dopo le elezioni ;
- La necessità per il PD di recuperare lo spirito dell’Ulivo e quello del Lingotto del 2007;
- La necessità per il PD di recuperare la consapevolezza che la sua azione deve rappresentare la risposta alle attese non di poche decine di dirigenti nazionali, ma a quelle di milioni di elettori ;
- La richiesta di capire e conoscere i “101 franchi tiratori” che hanno affossato la proposta Prodi
- Le attese verso l’azione di Governo e Parlamento per quanto concerne le riforme istituzionali e i necessari interventi in campo economico per il lavoro , le pensioni e gli esodati, unitamente agli interventi a sostegno delle imprese
- Gli interventi per la riduzione dei costi della politica e l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti , la riforma della Legge elettorale e sulla trasparenza e la semplificazione della Pubblica amministrazione
- La necessità che su questi e tanti altri temi il partito non lasci al solo Governo Letta di dare la linea , ma che si presenti alla mediazione, che dovrà necessariamente fare il Governo, con una sua posizione e un suo quadro di priorità, che rendano evidente e credibile il proprio ruolo .

Nel mio intervento finale riprendevo brevemente le questioni su esposte precisando meglio i passaggi con cui si era arrivati alla elezione di Napolitano e alla fiducia al Governo Letta, e come in realtà non si potesse ragionare di questi fatti senza partire dai madornali errori che hanno preceduto e accompagnato la campagna elettorale del PD creando le premesse per la “non vittoria” .
Precisavo come l’obiezione che alcuni portano alle scelte fatte , sostenendo che in realtà non era obbligatorio fare un Governo o quanto meno non era obbligatorio farlo a nostra guida, si scontrino con quella che è la vocazione con cui è nato questo partito, che è quella di essere vocato a farsi carico dei problemi del Paese e quindi potenzialmente con responsabilità di governo , responsabilità e vocazione che , come diceva lo stesso Bersani , sono tali e devono essere evidenti anche quando si stesse all’opposizione .
Le obiezioni si scontrano altresì con la impercorribilità , in queste condizioni ed in questo momento , di nuove elezioni e con la impossibilità di un accordo con i 5Stelle come la vicenda Bersani aveva drammaticamente reso anche in modo plastico evidente .
Il Governo Letta si poneva quindi come soluzione obbligata, come conseguenza dei percorsi e delle scelte fatti e dei risultati elettorali .
Il governo di cui parliamo è guidato da un nostro uomo, nasce dal voto di fiducia e dall’appoggio di un Parlamento nel quale il PD è la forza maggiormente rappresentativa e sarebbe quindi una follia assumere un atteggiamento che permettesse al PDL e a B. di assumersi i meriti delle cose positive che farà , che ci auguriamo saranno molte, lasciando a noi di assumerci la responsabilità delle cose non fatte perché noi non ci abbiamo creduto.
Questo deve diventare a tutti gli effetti il governo con cui , nelle condizioni date , noi ci mettiamo con tutto il nostro impegno a servizio per dare al Paese le risposte possibili .
Questa sarà la nostra responsabilità ed il nostro impegno.
Perché questo possa accadere noi avremo bisogno di un PD che recuperi la sua coesione , la sua forza e la sua capacità dio manovra e di proposta .
Per questo ho salutato con favore , pur con tutti i limiti di nodi non ancora sciolti , l’esito della Assemblea del PD a Roma di sabato e la elezione di Epifani , perché credo che in questo momento sia prioritaria la capacità di ricostruire una coesione interna e sia necessario farlo con forza e con esperienza , doti che per la sua storia Epifani ha , poi certo dovremo riflettere in profondità sul profilo che il partito dovrà recuperare e definire.
Relativamente al profilo del partito credo sarà necessario ragionare su tantissime questioni generali e programmatiche , ma ciò che in queste settimane sta emergendo con forza è il confronto tra un’idea di partito a forte connotazione identitaria e con un approccio movimentista filo-grillino , se necessario anche a “vocazione minoritaria” , e un idea di partito che necessariamente è a vocazione maggioritaria perché mette al centro la responsabilità verso il Paese , con il cui consenso si candida a guidare un ammodernamento e una riforma straordinaria e si candida a farlo alla luce dei propri orientamenti .
Credo che il profilo del PD debba essere questo secondo , e credo che il grande equivoco che sta dietro a tante incomprensioni di queste settimane sia proprio nel fingere di ignorare che la questione del consenso è cruciale per poter attuare i programmi ; in mancanza di sintonia tra il nostro progetto e il sentire delle persone , degli elettori , noi non saremo , come purtroppo è successo , messi in condizione di poterlo attuare.
Come ha detto bene Matteo Renzi , l’aver scelto in questa occasione elettorale di non aprire le porte a elettori che nelle altre tornate avevano votato centrodestra o altro , il non aver tenuto conto della richiesta di cambiamento che a gran voce ci veniva espressa, ci ha portato , in una sorta di paradossale contrappasso , a doverci confrontare con ministri di centrodestra.
Il PD che dovremo rilanciare dovrà essere popolare , cioè capace di essere percepito schierato in modo concreto dalla parte delle persone in carne ed ossa e non solamente capace di dialogare solo con i nostri , e dovrà riscoprire quelle vocazioni di leggerezza , di apertura e di capacità di confronto che erano state alla base del progetto del Lingotto nel 2007 , e soprattutto dovrà essere capace di guidare il cambiamento e l’ammodernamento di questo Paese.
Dovremo fare tutto questo e al tempo stesso , con il nostro recuperato ruolo , aiutare il Governo Letta a tenere la barra dritta e a fare le cose necessarie e urgenti per il Paese , consapevoli che al successo del governo Letta leghiamo molta parte del percorso che apprestiamo a fare .
L’Italia ha bisogno di un partito “Democratico” e ha bisogno che diventi e che sia veramente tale .
Un partito Democratico senza bisogno di suffissi o di aggettivi , che possono essere molto utili a condizione che concorrano insieme , senza voler determinare ciascuno autonomamente, l’esito del processo; i vari cattolico, social , liberal, eco sono ricchezze fondamentali insieme a tante altre ricchezze e punti di vista da valorizzare in dialogo tra loro .
Noi vogliamo fare il Partito Democratico , cogliendo ciò che è successo come opportunità e stimolo , e lo vogliamo fare insieme ai tanti elettori di oggi e a quelli di domani .
Ce lo chiede il Paese e i tanti cittadini che ogni giorno incontriamo e lo vogliamo noi perché è la risposta più importante che possiamo dare alle tante sfide che il Paese ha oggi di fronte a se.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento