BONUS BEBE’: TOLTI ALLE FAMIGLIE E AI PAZIENTI PSICHIATRICI

Mentre i piemontesi aspettano pazientemente i pannolini, promessi sotto forma di “bonus bebè” da Roberto Cota , iniziativa che in pratica non riesce a partire con continui slittamenti , solo oggi finalmente sappiamo da dove prenderanno i fondi.
La metà della somma viene prelevata dal capitolo 179629, fondi a sostegno per le politiche per le famiglie.
Non sono quindi risorse aggiuntive per la famiglia ma, come i carri armati di Mussolini, i soldi sono sempre gli stessi, sottratti ad altre misure almeno altrettanto importanti a sostegno della famiglia quali centri per le famiglie, affidamenti familiari, adozioni difficili, sostegno alle famiglie multiproblematiche, ecc. per rispondere ad un impegno elettorale più propagandistico che di merito .
L’altra metà delle risorse, 3,9 milioni di euro, viene prelevata dal capitolo 152880 che riguarda l’assistenza ai pazienti ex ospedali psichiatrici, ora valutati come disabili.
Quest’ultima é una spesa sul piano contabile “obbligatoria” e quindi lo spostamento dovrà essere autorizzato dal Consiglio regionale, che sarà chiamato a discutere approfonditamente .
Io sono assolutamente convinto della necessità di sostenere in ogni modo le famiglie , ma anche che dare 250 euro una tantum a tutte le famiglie anche quelle con redditi alti, togliendo risorse ai malati di mente e ai Comuni per le famiglie in difficoltà , sia un errore .
Sono i giochi di prestigio che piacciono a Cota: si annunciano nuove iniziative per attrarre consensi, che si finanziano tagliando servizi a chi ne ha maggiormente bisogno. Noi siamo assolutamente a favore di maggiori politiche per la famiglia, ma non nel modo approssimativo e propagandistico adottato.
Crediamo che le famiglie necessitino di attenzione e interventi seri , non di propaganda e di strumentalizzazioni , soprattutto in un momento nel quale i problemi sono tanti e richiedono risposte serie .

Mino Taricco

IN ALLEGATO I DOCUMENTI CHE DIMOSTRANO QUANTO ASSERITO. . .. . .. . .. . .


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento