CAMPAGNA PROMOZIONALE SULLA DONAZIONE DEL SANGUE AL SANTA CROCE DI CUNEO.

“Sono state recentemente attivate presso l’azienda ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo una campagna promozionale sull’importanza della donazione del sangue e degli avvisi, tramite sms, ai donatori di particolari gruppi sanguigni per garantire, spiegano in azienda, la copertura dei livelli di guardia delle scorte in emoteca”, scrive Taricco nell’interrogazione. “E’ evidente l’importanza etica, sociale e sanitaria della donazione del sangue, e il fatto che la provincia di Cuneo è molto generosa anche in questo ambito e ha sempre garantito l’autosufficienza di sangue. Resta fondamentale continuare l’opera di sensibilizzazione affinché venga mantenuto questo trend decisamente positivo”, aggiunge. “Tuttavia”, chiede Taricco nell’interrogazione, “sull’iniziativa sono necessari alcuni chiarimenti: rientra tra le funzioni di un servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale quella di organizzare una campagna promozionale per invitare alla donazione di sangue, quando, tra l’altro, il Centro Servizi per il Volontariato lo fa già da anni in collaborazione con le Organizzazioni di Volontariato del sangue operanti in provincia di Cuneo (l’ultima campagna – “Ricordati di donare il sangue prima di partire per le vacanze” – è stata avviata il 9 luglio scorso con spot su tutti i media locali e manifesti affissi nelle principali città della provincia)? Con quali risorse è stata finanziata la campagna del Santa Croce? Come è stato possibile attivare gli avvisi tramite sms ai donatori di sangue, dal momento che la chiamata degli stessi risulterebbe spettare per le legge alle associazioni di donatori di sangue? Perché sarebbe stato attivato presso il Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del S. Croce un “Gruppo Volontari dell’Ospedale” dal momento chea chiamata dei donatori spetta solo alle associazioni di donatori di sangue?” “Credo sia necessario far chiarezza”, spiega Taricco, “per evitare sovrapposizioni di ruoli e duplicazioni di iniziative che, se pur meritevoli, forse non si addicono ai tempi critici che il bilancio della sanità piemontese attraversa”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento