CHE FINE HA FATTO DECRETO SEMPLIFICAZIONE CONTROLLI ALLE IMPRESE AGRICOLE

Interrogazione a ministri Pubblica Amministrazione e Semplificazione,
Sviluppo Economico, Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

"A che punto è l’attuazione delle procedure di trasparenza da parte delle
pubbliche amministrazioni previste dal cosiddetto decreto semplificazione
del marzo 2013, passaggio essenziale per raggiungere l’obiettivo di una
effettiva semplificazione dei controlli delle imprese? E il processo di
semplificazione avviato dal governo Monti, in particolare, l’attuazione
dell’articolo sull’emanazione dei regolamenti (il 14 del dl febbraio 2012)?

Lo chiede il deputato Pd Mino Taricco (commissione Agricoltura) in
un’interrogazione al Governo dove domanda anche “se le imprese agricole
siano coinvolte nel processo di semplificazione dei controlli sulle
imprese”.

“La farraginosità del sistema burocratico – spiega Taricco - rappresenta una
delle cause principali dello svantaggio competitivo del nostro paese nel
contesto europeo e nell’intera area OCSE, generando costi ormai
insostenibili per le imprese. Si stima che in Italia un’azienda agricola
debba dedicare mediamente cento giorni l’anno agli adempimenti burocratici e
che ciò comporti un costo complessivo a livello nazionale di circa 3
miliardi di euro l’anno”- conclude il deputato Pd.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento