COMMISSIONE ANTI CONTRAFFAZIONE IN PARLAMENTO

Per combattere i pirati che battono i mercati, truffano i consumatori e sottraggono lavoro e reddito al mondo agroindustriale.


 


 


L'istituzione della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla contraffazione grazie ad un ampia convergenza politica sul tema della difesa del Made in Italy dai pirati che operando in tutto il mondo, frodano i consumatori e  sottraggono lavoro e reddito al nostro comparto agroindustriale.


Nata in Commissione Agricoltura alla Camera la Legge per l'istituzione dell'organismo è stata oggi approvata dall'Aula a larghissima maggioranza per bloccare gli interessi,  anche di natura criminale, in un settore fortemente colpito in questi anni .


Basti pensare che nel solo settore agroalimentare, quello più debole ed esposto al fenomeno dell'Italian sounding, la pirateria ha realizzato lo scorso anno almeno 12 miliardi di fatturato o che le imprese del settore food esportano negli USA merce per 2 miliardi mentre ammonta a 20 miliardi il giro d'affari del fake food, il cibo contraffatto.


Reddito, lavoro e imposte sottratte alle imprese, ai lavoratori, ai cittadini italiani.


La Commissione parlamentare contro la contraffazione deve diventare il luogo in cui: studiare approfonditamente il tema della lotta a questo gravissimo reato; costruire alleanze virtuose con produttori e consumatori, autorità di controllo, forze dell'ordine, magistratura, organismi scientifici; analizzare i flussi commerciali e gli effetti dell'Italian sounding.


Tutto ciò con l'obiettivo di articolare norme e sanzioni adeguate, tutelare l’immagine dei prodotti italiani nell'Unione europea e nel contesto globale e farlo anche grazie ad una  presenza con la necessaria autorevolezza e forza negli organismi internazionali, ponendo limiti e vincoli alla delocalizzazione delle  “produzioni italiane”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento