COMUNI AL BUIO

Agli Amministratori
degli Enti Locali
della provincia di Cuneo











Nelle scorse settimane sono stati annunciati i contenuti di una Manovra finanziaria nazionale ingiusta , subdola e falsa che colpirà pesantemente i cittadini e soprattutto i più deboli e meno protetti .
E’ profondamente ingiusta perché colpirà soprattutto le persone e le famiglie con redditi medio bassi , e poi colpendo le Regioni , le Province , i Comuni e le Comunità Montane e non i veri centri di costo e di spreco dei Ministeri ribalterà nuovamente sui cittadini i tagli che , conseguentemente al taglio di risorse , saranno fatti ai servizi e alla qualità degli stessi .
Nessuno crede infatti alla fiaba che i tagli non sono ai cittadini ma agli Enti , è del tutto evidente che i tagli agli Enti si trasformeranno inevitabilmente in tagli ai sevizi ai cittadini e alle famiglie , soprattutto ai più deboli .
E’ profondamente subdola perché ciò che si deciderà ora , si ribalterà l’anno prossimo sui cittadini , con ripercussioni sulla loro vita , e allora nessuno si ricorderà più della manovra , e sarà per tutti colpa degli Amministratori comunali se gli Enti Locali non daranno servizi adeguati o non faranno le opere previste .
E’ falsa perché poggia su motivazioni false , è vero infatti che in Europa molti altri stanno facendo manovre analoghe , ed è altrettanto vero che vi è un bisogno autentico di razionalizzare la spesa , ma questa Manovra non razionalizza niente , taglia linearmente a tutti , virtuosi e scorretti , e lo fa non per avviare il risanamento dei conti , che non migliorano per niente come evidenziano tutti i dati pubblicati in questi giorni , ma è resa necessaria come conseguenza di scelte scellerate , effettuate in questi anni , che hanno visto aumentare gli sprechi e ridursi le entrate , facendo pagare solamente i soliti noti .
La riduzione di costo che si otterrebbe con l’abolizione o la riduzione di una Autority nazionale , che eroga a ciascuno dei suoi componenti oltre 200.000 euro l’anno , farebbe risparmiare di più che con le indennità di migliaia di amministratori di piccoli Enti o Comuni , che operano in regime di fatto di volontariato .
Gli sprechi per preparare il G8 della Maddalena , che poi non si è fatto , su cui sta indagando la Procura , sono costati quanto i tagli previsti alla Regione Piemonte per il 2011 ( circa 500 milioni di euro ) che comporteranno ulteriori riduzioni di trasferimenti ai Comuni e ai servizi erogati .
Credo sia necessario dire basta a questa situazione e pretendere rispetto per il territorio e per gli Enti che sul territorio si occupano dei problemi e della vita delle persone e delle famiglie .
Per questo sono a suggerire a Voi e alle vostre Amministrazioni di aderire all’iniziativa presentata ieri davanti alla Prefettura di Cuneo

COMUNI AL BUIO . Paghiamo sempre noi .

Per ulteriori informazioni


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento