CONSIGLIO STRAORDINARIO SUL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Altra pagina nefasta sul tema Trasporto Pubblico Locale oggi con una risposta assurda ad una mia interrogazione che poneva un quesito molto semplice e cioè se rispondessero al vero le notizie circolate sul fatto che già nei mesi scorsi sia stato concordato con Trenitalia da parte della Regione, il taglio delle linee ferroviarie che saranno soppresse già a partire dall’orario estivo. In caso affermativo abbiamo chiesto di conoscere che senso abbia la discussione e l’approvazione di un Parere, che abbiamo fatto in II Commissione, e che senso abbia il parere atteso dalla Conferenza Regione-Autonomie Locali. Abbiamo ricevuto una non-risposta che non dice niente. Abbiamo, per meglio capire, fatto anche richiesta di accesso agli atti, per poter visionare i documenti che hanno caratterizzato il percorso di questa assurda vicenda. Il comportamento dell’Assessore Bonino e della Giunta regionale su questo tema è stato, in questi mesi, scandaloso e di sostanziale disprezzo nei confronti del territorio, che non è stato coinvolto nelle scelte, e nei confronti del Consiglio regionale per il modo ed i tempi della discussione. Per questo abbiamo richiesto un Consiglio straordinario e abbiamo presentato una articolata e argomentata richiesta di revoca dell’Assessore Bonino, sottoscritte da tutto il gruppo del Partito Democratico e da numerosi altri Consiglieri. Non è accettabile una tale modalità così come non è accettabile un approccio così superficiale al tema del Trasporto Pubblico Locale in particolare per quello ferroviario. Il Consiglio straordinario è stato calendarizzato per il 19 giugno 2012, in quella occasione chiederemo con forza i chiarimenti e la trasparenza che in questi mesi non abbiamo avuto noi e non ha avuto il Piemonte. Su questa vicenda abbiamo assistito al trionfo delle scelte partigiane e il nostro territorio è stato tra quelli pesantemente colpiti. L’abbiamo già detto in tutti i modi. Il 19 giugno i riflettori dovranno essere accesi su Palazzo Lascaris per fare emergere gli spazi di un rinsavimento della Giunta e comunque rendere edotti tutti i piemontesi e coloro che usavano le linee ferroviarie interessate dalla soppressione nella nostra provincia, di ciò che sta accadendo.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento