CONTRO L'APOLOGIA DEL FASCISMO: APPROVATA LA PROPOSTA DI LEGGE

Approvata alla Camera la proposta di legge che punisce la propaganda del regime fascista e nazifascista e viene così aggiunto ai delitti contro la personalità interna dello Stato.
 
Viene punito chi propaganda immagini o contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco e delle relative ideologie, anche attraverso produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli ad essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia o la gestualità. Si prevede per questo la reclusione da sei mesi a due anni.

Delitto perseguibile d'ufficio sarà la propaganda attiva e quella che si manifesta anche nei vari passaggi della filiera produttiva di immagini, oggettistica, gadgets di ogni tipo che siano chiaramente riferiti all'ideologia fascista o nazifascista o ai relativi partiti. Allo stesso modo saranno punibili comportamenti quali il saluto romano (o nazifascista) fatto in pubblico e l'ostentazione pubblica di simboli che si riferiscono a tali partiti o ideologie. La pena è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici.
Si ritiene essenziale, per la realizzazione della fattispecie l'inequivocabilità («chiaramente riferiti») del nesso tra i beni e i partiti o le ideologie fascisti o nazionalsocialisti. 
 
Nel tempo si è dovuta riconoscere l’insufficienza degli strumenti predisposti dal legislatore per la repressione di tali comportamenti individuali di propaganda. In  molti Paesi d'Europa, come nel nostro, sono sempre più frequenti gli episodi e le manifestazioni che richiamano apertamente concezioni apologetiche del fascismo e del nazifascismo. Spesso a queste manifestazioni ed episodi apologetici si accompagnano gesti, condotte e comportamenti violenti, intolleranti, razzisti, tipici di una cultura che si ispira a periodi storici che hanno procurato in Europa e in Italia dittature e guerre, leggi razziali e discriminazioni, violenze e persecuzioni. 

Il rifiuto del fascismo e del nazifascismo sono un nostro patrimonio consolidato ed è per questo che non possono essere consentiti o tollerati comportamenti che intacchino questo patrimonio comune di civiltà democratica, convivenza, libertà, tutti valori alla base della nostra Carta Costituzionale.

In allegato una scheda per approfondire


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento