COSA ABBIAMO FATTO PER L'AMBIENTE

I temi ambientali hanno riempito l’agenda politica ed economica sia a livello globale che a livello nazionale. 
La coscienza della necessità di un diverso modello di sviluppo e di governo di una società globale e complessa si è sedimentata negli scorsi decenni e negli ultimi anni ha intersecato tutte le politiche, restituendo una visione integrata di politica economica, di governo dei territori, di politica industriale, energetica, infrastrutturale, sanitaria e culturale. 

Uno degli eventi clou di questi anni – l’accordo sul clima firmato a Parigi nel dicembre 2015 – rappresenta l’esempio perfetto della centralità assunta dalla sfida ambientale nel mondo: l’evidenza planetaria delle conseguenze catastrofiche dei cambiamenti climatici, ha portato per la prima volta tutti i paesi del mondo a sottoscrivere un impegno comune e contemporaneamente ha evidenziato le opportunità che si aprono con la green economy. 

Tutti i leader mondiali sono pungolati da cittadini sempre più connessi, cittadini del mondo sempre più consapevoli del diritto di vivere in un ambiente sano, di potersi muovere con facilità e sicurezza, di avere acqua e aria pulite e cibi sani, condizioni di lavoro dignitose, una paga equa. 
Dal nord al sud del mondo, movimenti, comitati, associazioni stanno trasformando i paradigmi economici e sociali: pensare globalmente e agire localmente non è solo uno slogan ma un comportamento diffuso
L’obiettivo ha un nome ed è rivoluzionario: economia circolare, «un’economia pensata per potersi rigenerare da sola», cioè capace di preservare e mantenere il valore di prodotti, materiali e risorse nell’economia il più a lungo possibile, riducendo al minimo la produzione di rifiuti e l’eccessivo consumo di risorse primarie. Dare vita a un sistema di economia circolare rappresenta un cambiamento che coinvolge aspetti normativi, produttivi, organizzativi e distributivi, richiede un nuovo approccio culturale e implica una ricaduta significativa sulla vita quotidiana dei cittadini europei e sulle abitudini di milioni di consumatori.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento