COTA ASSENTE ! MA ORDINA : UCCIDETE LA CULTURA !

Oggi in Consiglio Lega Nord e PDL hanno voluto scrivere una bruttissima pagina nei confronti del mondo della cultura piemontese , mostrando un profondo disinteresse per questo mondo , per la sua realtà economica e occupazionale, per i suoi drammatici problemi di prospettiva.

Una Mozione di indirizzo alla Giunta , che era stata concordata e presentata congiuntamente da Consiglieri di maggioranza e di minoranza , mirante a confermare le risorse destinate alla cultura all’interno del Bilancio di Previsione 2011, procedendo in tempi celeri alla loro destinazione al sistema culturale piemontese , provvedendo al riparto delle risorse in competenza 2010 e alla definizione degli stanziamenti effettivamente disponibili per l’anno 2011, soprattutto in riferimento alla programmazione estiva già praticamente conclusa e alla stagione 2011-2012 di prossimo avvio, è stata respinta dopo una grossa bagarre in aula .

Il silenzio colpevole dell’assessore, muto di fronte al dibattito che si andava sviluppando e alle richieste degli operatori culturali, è il segno di una maggioranza incapace di prestare attenzione ai problemi e al fermento della realtà piemontese, preoccupata solo di arginare la sua evidente crisi.

Di fronte agli inviti a sostenere il settore culturale, a dargli certezze economiche, a esplicitare la reale situazione sul piano delle risorse disponibili e dei progetti realizzabili, il centrodestra ha risposto con il silenzio e l’arroccamento. Un segnale bruttissimo per il futuro della nostra regione.

Si è arrivati addirittura al paradosso di Consiglieri che hanno presentato e sottoscritto , insieme a noi , la mozione a prima firma Pentenero , e poi in Aula non l’anno votata , perché Cota non voleva !

Una bruttissima pagina , culminata con l’espulsione dall’Aula consiliare del pubblico , che aveva espresso contrarietà alle scelte della maggioranza e protestava , e conclusosi con una mozione della maggioranza ( una inutile foglia di fico che non servirà a nulla ) approvata grazie al voto dell’UDC .

Rimaniamo più che mai convinti che quello piemontese sia un sistema culturale articolato e diffuso sul territorio regionale, in grado non solo di garantire occupazione e sviluppo economico, ma soprattutto di promuovere la crescita sociale, culturale e civile delle nostre comunità e per questo debba vedere ogni sforzo per tutelarne l’azione e per non disperderne le qualità .

Sarà assolutamente necessaria la Convocazione del Tavolo di Crisi, dove affrontare le possibili gravi ripercussioni sull’occupazione delle imprese professionali e sarà necessario che la Giunta e la maggioranza rivedano le loro posizioni in vista dell’Assestamento di Bilancio , per evitare danni che potrebbero divenire irreparabili .

Mino Taricco

Si allega la Mozione condivisa e poi respinta 1

e la inutile della Lega Nord 2


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento