COTINUITA’ AFFETTIVA E’ LEGGE

Con il un voto favorevole di larga parte dell’Aula 385 voti a favore e solo due contrari, la Camera ha dato il via libera definitivo alla nuova legge sulla continuità affettiva , che introduce una corsia preferenziale per le adozioni da parte delle famiglie che hanno avuto in affido minori in stato di abbandono e adottabilità. 
La legge indica per le famiglie affidatarie hanno una corsia preferenziale nell'adozione. 
Ovvero d'ora in poi il tribunale dei minori dovrà "tenere conto dei legami affettivi significativi e del rapporto stabile e duraturo consolidatosi tra il minore e la famiglia affidataria" prima di decidere i genitori adottivi dei minori in stato di abbandono, previo parere dei servizi sociali.
Una norma che affronta un tema delicato in quanto va ad incidere sugli istituti dell’affido e dell’adozione che avevano modalità operative e finalità diverse perché nati per rispondere a bisogni diversi.
La norma risponde alla necessità di non produrre ulteriori ferite  a bambini che hanno già vissuto una difficoltà iniziale che li ha portati all'affido allontanandoli anche  quelle madri e padri " a tempo" con cui hanno magari già trascorso un pezzo di infanzia o di adolescenza. 
Fino ad oggi infatti per i genitori affidatari l'adozione era preclusa, con situazioni  a volte di piccoli già feriti dalla vita, cresciuti in una seconda famiglia e poi assegnati ad altra coppia già in possesso dell'idoneità all'adozione. 
La volontà di intervenire e al tempo stesso la paura di snaturare i due istituti ha chiesto un lavoro di ricerca di equilibri per arrivare ad una legge che permetterà, al giudice di prendere in considerazione anche i genitori affidatari per l'adozione quando l’affido non riesca a ricostruire le condizioni per il ritorno in famiglia originaria. Si rende evidente a questo punto comunque una revisione più complessiva e più “ragionata” dell’insieme degli strumenti per affrontare situazioni familiari di grande complessità, nell'esclusivo interesse del minore.

LE NOVITÀ
Affidatari. In caso di adozione è prevista una corsia preferenziale a favore di chi ha il bambino in affido. Il tribunale dei minori dovrà infatti tener conto, nel decidere sull'adozione, dei 'legami affettivi significativi' e del 'rapporto stabile e duraturo' consolidatosi tra il minore e la famiglia affidataria. La corsia preferenziale opera però solo se gli affidatari rispondono ai requisiti per l'adozione (stabile rapporto di coppia, idoneità all'adozione e differenza di età con l'adottato).
Tutela della continuità affettiva. Nell'interesse del minore è garantita continuità affettiva con gli affidatari (come ad esempio il diritto di visita) anche in caso di ritorno alla famiglia di origine e adozione o nuovo affido ad altra famiglia. Il giudice peraltro, nel decidere sul ritorno in famiglia, sull'adozione o sul nuovo affidamento dovrà ascoltare anche il minore.
Più poteri in tribunale. Si ampliano i diritti degli affidatari: chi ha il minore in affido è legittimato a intervenire (c'è l'obbligo di convocazione a pena di nullità) in tutti i procedimenti civili in materia di responsabilità genitoriale, affidamento e adottabilità relativi al minore. E' poi prevista la facoltà di presentare memorie nell'interesse del minore.
Adozione degli orfani. Accanto ai parenti (fino al sesto grado) e alle persone legate da un rapporto stabile preesistente alla perdita dei genitori, anche l'affidatario potrà ora chiedere l'adozione di un orfano. In tal caso l'adozione è consentita anche alle coppie di fatto e alle persone singole.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento