DATI ISTAT +1,2

Un’altra piccola  ma importante notizia positiva, soprattutto perché esprime un orientamento che rafforza i segnali di una ripresa che sta consolidandosi arriva in questi giorni dall’ISTAT.
Nella revisione delle stime sul PIL  nel primo trimestre del 2017 l'Italia recupera infatti anche a livello  europeo. 
Il +0,4% congiunturale che porta a +1,2% il  tendenziale per i 2017 ci avvicinano in termini di crescita alla media europea.
L'Istat infatti,  diffondendo i conti trimestrali, riporta anche i dati relativi  agli altri Paesi. Svetta ancora la Germania (+0,6% e +2,9% su anno), ma la Francia fa come noi a livello congiunturale (+0,4%) e peggio su base annua (+1,0%). 
Restiamo però ancora sotto la media dell'eurozona (+0,5% e +1,7% annuo). 
L'Istat  infatti registra, precisamente, per i primi tre mesi dell'anno un valore del Prodotto interno lordo pari a 395 miliardi e 783  milioni di euro.
L'Istat ricorda che i dati sono stati destagionalizzati e  corretti per gli effetti di calendario (il primo trimestre ha  avuto due giornate lavorative in più sia rispetto al trimestre precedente, sia rispetto al primo trimestre del 2016).
Rispetto al trimestre precedente, i principali aggregati della domanda nazionale hanno registrato una crescita dello 0,5% dei consumi finali nazionali e un calo dello 0,8% degli  investimenti fissi lordi. Le importazioni sono aumentate  dell'1,6% e le esportazioni dello 0,7%. 
Si registrano andamenti congiunturali positivi per il valore aggiunto di agricoltura (+4,2%), che in questo modo recupera quanto aveva perso, e servizi (+0,6%), mentre quello dell'industria risulta negativo (-0,3%). Su base annua invece l'agricoltura va sostanzialmente in pareggio (+0,1%),
 l'industria è in positivo (+0,6%), grazie alle costruzioni  (+1,0%) e i servizi ottengono il rialzo maggiore (+1,2%), con andamenti positivi su tutti i fronti, dal commercio al credito.
Tra le notizie positive anche la notizia che l’ISTAT ha rivisto al rialzo il quarto trimestre 2016, portandolo a +0,3%, nella precedete stima infatti lo aveva dato a +0,2%. 

In allegato alcuni articoli di giornali che commentano questo dato


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento