DA OGGI LA CULTURA AL CENTRO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO

Grazie al tenace lavoro del Ministro Bray, che ha saputo condurre in porto questo importante obiettivo, da oggi la cultura ritorna davvero ad essere al centro delle politiche di sviluppo del Paese, nel segno della concretezza e dell’ottimismo, anche a beneficio dell’offerta turistica e dell’occupazione giovanile”: così i parlamentari Pd nel salutare l’approvazione definitiva alla Camera del Decreto Valore Cultura.


Il via libera al Decreto segna un decisivo punto a favore di questioni di rilevanza strategica per il nostro patrimonio.


Si pensi al concreto rilancio del Progetto Pompei e alla creazione di una più organica soprintendenza, alla semplificazione delle procedure di donazione in favore della cultura, alla tanto auspicata razionalizzazione e trasparenza sui fondi per lo spettacolo, non più assegnati a pioggia sui diritti acquisiti, ma distribuiti in relazione alle attività svolte e rendicontate. E, ancora, al premio per le fondazioni lirico-sinfoniche virtuose, allo stralcio degli enti culturali vigilati dal Mibact e dei Teatri stabili in materia di spending review relativa a pubblicità e tourneè, all’aumento fino a 110 milioni del tax credit per il cinema e il comparto delle fiction e dell’audiovisivo, all’introduzione della semplice autocertificazione per i locali che organizzano musica dal vivo, alla riassegnazione di 1.3 milioni di euro per importantissime fondazioni culturali, agli incentivi del FUS per gli spettacoli circensi che non usano animali, fino all’aumento del fondo interventi urgenti che passa a 2,8 milioni di euro.


“Non possiamo non dirci fieramente orgogliosi della nuova rilevanza conferita dal Decreto Valore Cultura allo straordinario patrimonio artistico, paesaggistico e ambientale italiano.  Con l’approvazione definitiva del Decreto, il Ministro ha raggiunto un obiettivo importante per la difesa e la promozione della cultura e del patrimonio artistico del Paese.


Ci sembra doveroso esprimergli tutta la nostra più viva gratitudine, incoraggiandolo a proseguire su questa strada, a beneficio di uno dei settori più decisivi per il futuro dell’Italia.


 


In allegato la sceda esplicativa della Camera dei Deputati


                     e le slides che aveva predisposto il Ministero.


  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento