DEF 2017

Le Camere hanno approvato le Risoluzioni sul DEF Documento di economia e finanza 2017 : un passaggio formalmente importante e atteso ogni anno, non solo per l’attualità stringente ma in quanto specchio delle prospettive e degli sviluppi sul medio lungo termine, letti attraverso lo strumento di programmazione della politica economica del governo.

Per il 2017, per la crescita si conferma una previsione di crescita dell’1,1%. 

Per  il deficit, la prospettiva è quella del 2,1% entro la fine di quest’anno: “numeri di un percorso graduale che va ancora compiuto e che nelle nostre prospettive andrebbe accelerato”, ma “si tratta di previsioni conservative, prudenti” come dichiarato dal Governo.

Il DEF si articola in tre sezioni: 

- programma di Stabilità dell’Italia (che definisce il quadro macro conomico) , 

- analisi e tendenze di finanza pubblica, 

- programma nazionale di riforma.

Elemento di novità, nel DEF 2017, è l’avvio di sperimentazione di quattro indicatori di BES (Benessere  Equo e Sostenibile), “come parte integrante della strategia economica, che nel futuro rappresenteranno misuratori del come questi obiettivi vengono ottenuti dal governo”. 

Si tratta del reddito medio disponibile, dell’ indice di diseguaglianza, del tasso di mancata partecipazione al lavoro e dei parametri relativi alle emissioni di CO2 e di altri gas clima alteranti. 

Per programmare la politica economica, gli obiettivi correlati al PIL  non bastano più, per quanto l’aumento del prodotto interno lordo sia sempre auspicabile, ma bisogna allargare il cerchio ad altre dimensioni. 

Il Governo ha quindi, come era stato anticipato dal ministero dell’Economia e delle finanze, deciso di anticipare in via sperimentale l’inserimento di un primo gruppo di indicatori nel processo di bilancio, nel documento di programmazione e finanza: non si tratta solo di misurare degli andamenti in un confronto tra prima e dopo, ma di fissare obiettivi programmatici.

Il    DEF  2017   è stato anche trasmesso al Consiglio dell’Unione Europa e alla Commissione.



  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento