DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA

La legge che attribuisce una delega al Governo per riformare il Codice della strada ha ricevuto il primo via libera dalla Camera dei deputati giovedì 9 ottobre: 246 i voti favorevoli e 9 quelli contrari. Il testo, unificazione di un disegno di legge emanato dall’Esecutivo e di una proposta di legge di iniziativa di alcuni parlamentari, indica alcuni princìpi direttivi al Governo per operare la Riforma all’interno di specifici settori della sicurezza e della circolazione stradale, delle sanzioni e della semplificazione dell’apparato di norme connesse.


Importanti le indicazioni a sostegno della tutela dell’utenza vulnerabile (bambini, anziani, disabili, ciclisti), che prevedono una limitazione della velocità nelle aree urbane ed extraurbane, incentivi alla mobilità a piedi e in bicicletta, un rafforzamento dei mezzi pubblici e maggiori garanzie di sicurezza per chi si sposta su ciclomotori, motoveicoli e biciclette (con un attenzione particolare riservata ai ciclisti di età inferiore ai 14 anni).


Centrale, poi, la disciplina delle sanzioni: sono infatti state gettate le basi per consentire la revoca a tempo indeterminato della patente di guida e l’inibizione alla guida sul territorio nazionale per i conducenti di un veicolo che causino la morte di altre persone in violazione delle leggi di circolazione stradale. Accanto a ciò, prevista anche la possibilità di introdurre il reato di «omicidio stradale» all’interno del Codice penale.


Tra gli altri princìpi che la legge indica, infine, si trovano la graduazione delle sanzioni, in base alla gravità e alla pericolosità dei fatti compiuti, alcuni meccanismi per premiare comportamenti corretti e virtuosi e la previsione dell’utilizzo di una parte delle entrate provenienti dalle sanzioni a sostegno di due specifici Fondi, dedicati a intensificare i controlli su strada e a finanziare il Piano nazionale di sicurezza stradale.


Ora le legge delega passa all’esame del Senato.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento