DE PROFUNDIS. . .. . .. . ..

di Antonio Misiani

Il combinato disposto dei diktat (presunti) della BCE e dei veti incrociati (veri) di una maggioranza allo sbando ha prodotto una manovra di ferragosto iniqua e recessiva. Dietro gli specchietti per le allodole dei tagli (parziali) dei costi della politica e del contributo di solidarietà per i redditi (dichiarati) piú alti, si nasconde una valanga di nuove tasse che colpirà i soliti noti, cioè i contribuenti fedeli: tra contributo di solidarietà nazionale e addizionali Irpef regionali e comunali, la stangata sarà nell'ordine di parecchi miliardi di euro. . . .
Se al conto aggiungiamo l'aumento delle accise sulla benzina, l'addizionale Ires sulle imprese energetiche, la nuova Imposta municipale (ben piú pesante della vecchia Ici), annessi e connessi, la pressione fiscale nel giro di due anni travolgerà ogni record storico. La verità è che il centrodestra ha messo le mani nelle tasche degli italiani fino a sfondarle, con la scandalosa eccezione degli evasori fiscali che verranno solo sfiorati dal decreto.
La manovra segna il de profundis per il federalismo fiscale: quello che Calderoli chiama "anticipo" del federalismo altro non è che la trasformazione forzata degli amministratori regionali e locali in gabellieri al posto del governo, poichè i tagli imposti a comuni, province e regioni sono talmente insostenibili da rendere inevitabile un massiccio aumento di tasse e tariffe locali. Il federalismo fiscale di Bossi e Tremonti avrebbe dovuto portare piú soldi ai territori virtuosi e meno tasse per i cittadini e le imprese: accadrà esattamente il contrario. Dulcis in fundo, la crescita. È la grande assente della manovra: al di là della liberalizzazione delle professioni (ammesso che sopravviva alle pressioni delle lobbies) e di qualche intervento spot, l'impressione è quella di una totale e desolante mancanza di idee per rilanciare lo sviluppo. Non è questa la politica economica che serve all'Italia. Il rigore nei conti pubblici puó e deve essere perseguito con molta piú equità, colpendo in modo realmente incisivo evasione e elusione fiscale, tassando i grandi patrimoni e evitando di appesantire il carico fiscale su lavoro e impresa. L'Italia, soprattutto, ha bisogno di una vera strategia per la crescita: per questo, le ricette liberiste sono uno strada illusoria e inefficace. È necessario invece rilanciare la domanda interna restituendo potere d'acquisto ai redditi medio-bassi e investire risorse mirate sui settori produttivi piú promettenti per il futuro del Paese.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento