DIECI MOTIVI PER DIRE NO ALLA PROPOSTA DI M5S DI SOPPRIMERE EQUITALIA

Stamattina la Camera ha bocciato la proposta del Movimento 5 Stelle di abolire Equitalia con 271 deputati favorevoli, 180 contrari e sette astenuti.


Il primo firmatario dell’emendamento soppressivo è stato il parlamentare del Partito Democratico Marco Causi.


Dato che purtroppo anche in questo caso, come purtroppo di frequente in questa stagione, in troppi parlano senza conoscere come stiano realmente le cose sulla riscossione dei tributi, mi permetterò di fornire alcuni elementi di riflessione.


Equitalia non è un soggetto privato che si muove  autonomamente, ma è uno strumento di  riscossione dello stato e degli enti pubblici, ha cioè il compito di recuperare le imposte che i cittadini non pagano spontaneamente.


Equitalia svolge la stessa funzione  che fino a pochi anni fa svolgevano tante agenzie private, con la sostanziale differenza che non è più un soggetto privato,  ma è in qualche misure una articolazione operativa dello Stato.


La società di riscossione nacque nel 2005 per togliere alle agenzie private  la riscossione dei tributi allo Stato.


La riforma del 2005 ha portato un assetto più soddisfacente del sistema della riscossione coattiva, ma ha evidenziato anche delle criticità, che col tempo non sono state completamente risolte.


La riforma del sistema di riscossione e dell’organizzazione di Equitalia è previsto sia oggetto di intervento nella  attuazione della delega fiscale che sarà attuata dal Governo nei prossimi mesi.


La revisione delle norme sulla riscossione coattiva ha  l’obiettivo di differenziare, semplificare e alleggerire le modalità di recupero nel caso di crediti di modesta entità, oltre ad  una riforma della riscossione locale di piccolo ammontare.


La legge delega prevede altresì la possibilità di intervenire sull’organizzazione di Equitalia separando le attività di riscossione per i tributi erariali da quella per i tributi locali, con ipotesi di divisionalizzazione della società oppure di scissione di un apposito ramo d’azienda.


Il cantiere della riforma, quindi, è in corso, e lo  stesso movimento  5 stelle vi ha contribuito con il voto di astensione sull’articolo 10 e sull’intera legge delega.


Ecco perché su questo provvedimento si è giocata una operazione di mera speculazione politica, consapevole di una inapplicabilità di fatto.


In allegato il  link ad una scheda del PD,  che spiega nel dettaglio i motivi di un voto negativo ad un provvedimento sbagliato e strumentale.


 


Mino Taricco


 


http://www.deputatipd.it/blog/abolire-equitalia


  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento