DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA e WEB

Approvate dalla Camera le nuove norme sulla diffamazione a mezzo stampa con 295 sì, 3 no e 116 astenuti. Dopo una lunga discussione viene eliminata la reclusione in carcere per i giornalisti e prevede solo pene pecuniarie con l'obbligo di rettifica senza commento a favore dell'offeso.

La normativa va a modificare la legge n. 47 dell'8 febbraio 1948 e il codice penale in materia di diffamazione e ricomprende nel suo spettro d’azione anche le testate giornalistiche online e radiotelevisive.

Le principali novità :

Carcere - Per chi si macchia di diffamazione a mezzo stampa è prevista una multa che va da 5mila a 10mila euro. Nel caso, invece, che il fatto attribuito sia consapevolmente falso, la cifra è stata stabilita nell'intervallo tra 10 mila e 50mila euro. Alla condanna è associata la pena della pubblicazione della sentenza, mentre in caso di recidiva è prevista anche l'interdizione dall'esercizio della professione da uno a sei mesi. La rettifica tempestiva sarà valutata dal giudice come causa di non punibilità.

Norme soppresse - Tra le novità presentate nel ddl c'è anche la soppressione di due norme: quella in base alla quale è il direttore a rispondere degli articoli non firmati e quella sul cosiddetto "diritto all'oblio", il diritto cioè a eliminare dai siti e dai motori di ricerca le informazioni diffamatorie.

Privilegio in rivalsa  - A meno che non si tratti di diffamazione dolosa, quanto pagato dal direttore o dall'autore della pubblicazione a titolo di risarcimento del danneggiato avrà natura di credito privilegiato nell'azione di rivalsa nei confronti del proprietario o editore della testata.

Rettifica - Rettifiche o smentite, purché non inequivocabilmente false o suscettibili di incriminazione penale, devono essere pubblicate senza commento e risposta menzionando espressamente il titolo, la data e l'autore dell'articolo ritenuto diffamatorio. Il direttore dovrà informare della richiesta l'autore del servizio. Tempi e modalità della pubblicazione in rettifica variano a seconda dei diversi media. Se però vi è inerzia, l'interessato può chiedere al giudice un ordine di pubblicazione (per il cui mancato rispetto scatta una sanzione amministrativa da 8mila a 16mila euro).

Danno in base a diffusione - La nuova normativa prevede che il danno sarà quantificato sulla base della diffusione e rilevanza della testata, della gravità dell'offesa e dell'effetto riparatorio della rettifica. L'azione civile dovrà essere esercitata entro due anni dalla pubblicazione.

Responsabilità direttore - Fuori dei casi di concorso con l'autore del servizio, il direttore o il suo vice rispondono a titolo di colpa se vi è un nesso di causalità tra omesso controllo e diffamazione, la pena è in ogni caso ridotta di un terzo. È comunque esclusa per il direttore al quale sia addebitabile l'omessa vigilanza l'interdizione dalla professione di giornalista.

Segreto professionale - Novità anche per quanto riguarda i pubblicisti, che d'ora in poi potranno opporre al giudice il segreto professionale sulle proprie fonti, come avviene per i professionisti.

Querele temerarie - In caso di querela temeraria, il querelante può essere condannato anche al pagamento di una somma da mille a 10mila euro in favore della cassa delle ammende. Chi invece attiva in malafede o colpa grave un giudizio civile a fini risarcitori rischierà, oltre al rimborso delle spese e al risarcimento, di dover pagare a favore del convenuto un'ulteriore somma determinata in via equitativa dal giudice che dovrà tenere conto dell'entità della domanda risarcitoria.

La Legge torna ora al Senato per la quarta e speriamo ultima lettura parlamentare.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento