DISEGNO LEGGE DELEGA SUL TERZO SETTORE

Il Governo aveva lanciato il 13 giugno una consultazione,  sul  Disegno di legge delega sul Terzo settore.



Gli obiettivi dichiarati erano:


 


-          costruire un nuovo “welfare partecipativo”,


-          valorizzare il potenziale di crescita e occupazione dell'economia sociale,


-          premiare con incentivi e strumenti di sostegno i comportamenti “donativi o comunque


           prosociali” di cittadini e imprese.


La consultazione popolare,  ha visto la partecipazione con risposte di 1016 soggetti, di cui il 14,8% non pertinenti.


Tra le risposte valide il 37,4% arriva dalle organizzazioni non profit, il 38,5 per cento dai cittadini, il 7,2 per cento dal mondo delle imprese, dei sindacati e degli ordini professionali e il 2,3 per cento da amministrazioni pubbliche e università.


Tra le istanze più gettonate in 315 ritengono necessario lavorare alle fondamenta giuridiche,


274 al servizio civile, 242 al sostegno economico del settore, in 187 per cento all’impresa sociale, in 186 alla sussidiarietà.


 


Il testo approvato ha quattro questioni centrali:


1.      Snellire tempi e procedure per ottenere la personalità giuridica


2.      Organizzare un unico registro degli enti no profit (oggi ce ne sono oltre 300)


3.      Rivedere la normativa fiscale (anche se qui, ammette, ci vorrà più tempo


4.      Riformare l’istituto del 5 per mille, semplificandone e accelerandone le procedure di erogazione, con al contempo però l’introduzione di più stringenti regole in materia di trasparenza e rendicontazione


 


In allegato il Disegno di Legge delega per la riforma del Terzo settore


 


  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento