DROSOPHILA SUZUKII UN PERICOLO PER I PICCOLI FRUTTI

La stagione 2014 è stata la peggiore da quando – nel 2011 – si è  scoperto che la Drosophila suzukii, il moscerino della frutta a occhi rossi, era arrivato anche in Piemonte.


Il clima dell’estate ha probabilmente favorito lo sviluppo di questo nuovo insetto dannoso, che si è diffuso lungo tutta la fascia pedemontana dove si coltivano i piccoli frutti (mirtilli, lamponi e more) e le fragole rifiorenti.


Rispetto al moscerino indigeno, che attacca la frutta in avanzato stato di  maturazione, questa nuova specie esotica depone le uova su frutti ancora acerbi che sviluppano larve che rendono incommerciabili i frutti.


Nel pieno dell’estate, in corrispondenza della maturazione delle fragole rifiorenti, dei lamponi e delle varietà di mirtillo tardive, le popolazioni di questo insetto crescono, causando gravissimi  danni a queste coltivazioni. I


In molti territori montani la coltivazione dei piccoli frutti oltre ad essere una fetta importante di economia locale, rappresenta anche uno degli elementi caratterizzanti il paesaggio agrario, e una delle produzioni simbolo delle comunità e dei territori da celebrare nelle tante sagre e fiere.


La preoccupazione nel mondo agricolo  è elevata, sia per il fortissimo danno, sia per la rapida diffusione di questi anni, sia per le elevate perdite di prodotto, sia per la difficoltà oggettiva a mettere a punto efficaci strategie di difesa.


E una infestazione che sta causando problemi in tutta Europa, in  particolare ai produttore di piccoli frutti in Trentino, ma sta estendendo il suo impatto anche alle ciliegie e all’uva. Per questo ho presentato una interrogazione al MIPAAF, che allego


 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento