ELEZIONI EUROPEE : UN PASSAGGIO IMPORTANTE

Chi mi conosce sa che ho sempre creduto nell’Europa e nel progetto dell’Unione Europea che faticosamente in questi anni si sta realizzando e che vedrà nelle prossime elezioni un passaggio cruciale, per quello che ha rappresentato per il nostro continente dal dopoguerra ad oggi e per quello che può rappresentare, in termini di pace, di civiltà e di sviluppo.


 


Credo nel suo ruolo, perfettibile e da migliorare, ma importante,  ho sempre creduto e continuo a credere nel ruolo importante che dovranno svolgere gli europarlamentari, soprattutto dopo le riforme che ne rafforzano il ruolo con il Trattato di Lisbona del 2009.


 


La campagna elettorale si sta purtroppo incattivendo rischiando di lasciare sullo sfondo le vere questioni su cui sarebbe importante confrontarsi: lavoro e tutele, sviluppo sostenibile, ambiente ed energia, invecchiamento e stato sociale, democrazia e partecipazione e come ha detto Matteo Renzi “sta diventando un derby tra la rabbia e la speranza, su chi scommette sul fallimento dell’Italia e dell'Europa e chi è convinto che ce la possiamo fare.


 


Troppi “gufi e sciacalli” sono solamente più capaci di urlo, di insulto e  scommettono sullo sfascio oramai non solo più italiano ma anche europeo.


 


Mentre in Italia stiamo cercando di dare a questo paese le riforme che da vent’anni attende, sia aggredendo i freni che bloccano lo sviluppo, e che limitano l’occupazione, sia cercando di dare una risposta alla necessità di recupero di un equilibrio tra  sistema istituzionale, equilibri politici, efficienza ed efficacia del sistema, è però necessario avere chiaro che in Europa con le elezioni si gioca una partita che avrà riflessi importanti anche sul futuro del nostro Paese.


 


Abbiamo bisogno di un Italia più forte in Europa, per poter costruire una Unione che sia sempre più integrata e che sia al tempo stesso veramente dei popoli e dei territori , che sappia cioè far partire le proprie decisioni dai bisogni e dalle sensibilità che partono dal basso.


Ma abbiamo bisogno anche di una maggior presenza dell’UE a fianco dell’Italia ed degli altri paesi, perché tanti problemi come la gestione dell’immigrazione e delle politiche di crescita e di sviluppo, si possono gestire meglio se insieme, e tante politiche, come ad esempio difesa ed esteri,  si possono solo più affrontare in modo integrato.


 


Per questo, anche per il lavoro che Governo e Parlamento stanno facendo, è importante il risultato del voto del 25 maggio, perché con quel voto disegneremo un pezzo non piccolo del nostro futuro.


 


Mino Taricco


 


Di seguito alcuni link utili 



http://europa.eu/about-eu/basic-information/eu-elections-2014/index_it.htm


http://www.elections2014.eu/it


In allegato alcuni documenti


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento